René Clair: l’arte muta

Spazio Oberdan - dal 12 al 24 ottobre 2007

La Fondazione Cineteca Italiana organizza, in collaborazione con le Giornate del Cinema Muto di Pordenone (6 – 13 ottobre 2007), una grande retrospettiva sulle opere mute di René Clair (tutte presentate in versione originale con sottotitoli italiani e accompagnamento musicale dal vivo).

Nato a Parigi nel 1898, René Clair approda al cinema in veste di attore interpretando con successo alcuni film di Feuillade e Protazanov. L’esordio nella regia è del 1923 con il film, Paris qui dort, e da quel momento la sua carriera spicca il volo, toccando vertici espressivi per molti aspetti rimasti insuperati.

Come altri grandi registi degli anni ‘20 Clair, intellettualmente prossimo alle avanguardie storiche francesi (in particolare il dadaismo ed il surrealismo), ha contribuito in modo determinate all’evoluzione del linguaggio cinematografico, emancipandolo dalle semplificazioni del teatro filmato e dagli schematismi di uno sviluppo narrativo di matrice letteraria.

Nell’ambito della rassegna proposta dallo Spazio Oberdan, segnaliamo l’appuntamento di venerdì 19 ottobre alle ore 21.15: il concerto dal vivo Vive le coq! A’ bas l’Arlequin! – Cinema e musica nella Parigi degli anni ’20 che precederà e accompagnerà la proiezione di Entr’acte e che è stato eseguito in anteprima mondiale domenica 7 ottobre alle Giornate del Cinema Muto di Pordenone 2007.

I Film in rassegna:

UN CAPPELLO DI PAGLIA DI FIRENZE (Un Chapeau de paille d’Italie)
R. e sc.: R. Clair, dalla commedia omonima di Eugène Labiche e Marc Michel. Int.: Albert Prèjean, Olga Tchékova, Marise Maïa, Yvonneck, Alice Tissot, Alex Bondi, Vital Geymond. Francia, 1927, b/n, 110’, muto, v.o. sott. ital.
Al ritmo indiavolato delle slapstick americane, con i personaggi simili a marionette, la storia del matrimonio tra Fadinard e Maïa, che rischia di naufragare proprio il giorno delle nozze. Motivo del possibile disastro è la distruzione di un cappello di paglia che il cavallo dello sposo ha pensato bene di mangiarsi. Occorre assolutamente trovarne un altro uguale, altrimenti per la baronessa rimasta senza copricapo sarebbe lo scandalo.
Accompagnamento dal vivo al pianoforte di Francesca Badalini.
Me. 17 ott. (h 21.30)

IL FANTASMA DEL MOULIN ROUGE (Le Fantôme du Moulin Rouge)
R. e sc.: R. Clair. Int.: Albert Préjean, Sandra Milovanov, Georges Vaultier, José Davert, Maurice Schutz. Francia, 1924, b/n, 80’, muto, v.o. sott. ital.
Un reporter curioso indaga sulla morte sospetta di un deputato misantropo. L’uomo, grazie a un medico che si occupa di spiritismo, ha lasciato la clinica in cui era stato trasportato il suo cadavere, e il suo spirito è finalmente libero. Nel suo girovagare incontra una donna, in lacrime per la sua presunta morte…
Accompagnamento dal vivo al pianoforte di Francesca Badalini.
Gio. 18 ott. (h 21.30)

PARIGI CHE DORME (Paris qui dort)
R. e sc.: R. Clair. Int.: Henri Rolland, Marcel Vallée, Albert Préjean, Martinelli, Madeleine Rodrigue, Myla Seller. Francia, 1923, b/n, 61’, muto, v.o. sott. ital.
Grazie a un raggio magico, uno scienziato ha “addormentato” Parigi: persone fissate in una maschera o in un gesto, azioni bloccate, traffico fermo. E tutto avvolto in un silenzio irreale. Solo alcuni turisti appena arrivati da Marsiglia non hanno subito quell’incantesimo e saranno proprio loro, dopo varie peripezie, a far tornare la vita alla sua caotica normalità.
Accompagnamento dal vivo al pianoforte di Francesca Badalini.
Ve. 12 ott. (h 21.30)

LA PREDA DEL VENTO (La Proie du vent)
R.: R. Clair. Sc.: R. Clair dal romanzo L’Aventure amoureuse de Pierre Vignal di Armand Mercier. Int.: Charles Vanel, Lilion Hall Davis, Sandra Milovanov, Jean Murat. Francia, 1926, b/n, 90’, muto, v.o. sott. ital.
Pur tratto da un romanzo senza pretese e realizzato su commissione, questo film dimostra la straordianaria sensibilità cinematografica di Clair, capace di trasformare la storia in fondo banale di un avventuriero come tanti (formidabile peraltro l’interpretazione di Charles Vanel) in un’opera plastica e realistica insieme. Una suite di immagini della quale si può ben dire, con una formula cara all’autore che “qui tutto è movimento e vita”.
Accompagnamento dal vivo al pianoforte di Antonio Zambrini.
Sa. 20 ott. (h 19)

IL SILENZIO È D’ORO (Le Silence est d’or)
R. e sc.: R. Clair. Int.: Bernard la Barrige, Georges Balpo, Fernand Gilbert, Marcelle Derrien, Maurice Chevalier. Francia, 1946, b/n, 90’.
Un attore di varietà, vecchio dongiovanni, si è dato all'arte muta e dirige, a Parigi, nei primi anni del secolo, uno studio cinematografico. Un bel giorno incontra Maddalena, diciottenne figlia di un vecchio amico. Buona e ingenua fanciulla di provincia smarrita nell'ambiente parigino, la ragazza si attacca disperatamente al vecchio cinematografaro. L’uomo le si affeziona seriamente, e pensa in cuor suo di sposarla. Ma un giorno il suo aiutante e primo attor giovane incontra Maddalena e ben presto i due si innamorano. Quando scopre che Maddalena è il grande amore del suo direttore, il giovane, pur a malincuore, vorrebbe lasciarla. Ma sarà proprio il vecchio ganimede che avrà la forza di sacrificarsi.
Sa. 20 ottobre (h 15)/Me. 24 ott. (h 19)

LA TORRE (La Tour)
R.: R. Clair. Francia, 1928, b/n, cortomt., muto, v. o. sott. ital.
Il film è soprattutto noto per essere stato a lungo confuso, in Italia, con il balletto messo in scena da Cocteau, Les Mariés de la tour Eiffel. Clair, comunque, riconoscerà per tutta la vita l’influenza di quest’opera sulla sua produzione.
I DUE TIMIDI (Les Deux timides)
R.: R. Clair. Sc.: R. Clair dalla commedia omonima di Eugène Labiche e Marc Michel. Int.: Maurice de Féraudy, Vera Flory, Pierre Bachteff, Jim Gérard. Francia, 1928, b/n, 95’, muto, v. o. sott. ital.
Dell’omonima commedia resta solo lo spunto iniziale: la timidezza, scoperta e riprodotta come inesauribile motore di effetti di contrasto. Questa timidezza è presentata dal regista come deformazione del carattere che si esplicita con irrigidimento, automatismo e ripetizione.
Accompagnamento dal vivo al pianoforte di Antonio Zambrini.
Do. 21 ott. (h 17)

IL VIAGGIO IMMAGINARIO (Le Voyage imaginaire)
R. e sc.: R. Clair. Int.: Dolly Davis, Jean Borlin, Albert Préjean, Jim Gérald, Paul Olivier. Francia, 1925, b/n, 80’, muto, v. o. sott. ital.
Jean è un ragazzo timido e sta vivendo diverse disavventure, pene d’amore, scherzi continui dei colleghi di lavoro. Ad un certo punto Jean fa un sogno e siamo proiettati con lui in un mondo di fate, streghe e incantesimi di vario tipo.
Accompagnamento dal vivo al pianoforte di Antonio Zambrini.
Me. 24 ott. (h 21.30)

INGRESSO: Biglietto 3/5 euro + cinetessera

Info per il pubblico: Spazio Oberdan, tel 02.7740.6300

Condividi questa pagina