Festival del Cinema Latino Americano: venerdì 9 novembre

XXII edizione - Trieste dal 3 all’ 11 novembre

Si avvicina alla conclusione il XXII Festival del Cinema Latino Americano di Trieste: venerdì 9 novembre, al Teatro Miela (in Piazza Duca degli Abruzzi 3), è in programma l’ultimo film in concorso, assieme a vari appuntamenti speciali: dei film del regista cileno Miguel Littin e del brasiliano de Andrade, documentari su Salvador e Isabel Allende, sulla nazionale di calcio palestinese, e sul vero fondatore del cinema d’animazione, l’emigrato Italiano Quirino Cristiani.

Tutti i film nella sala cinema, e parte delle opere in video, sono con traduzione in italiano.

L’ultimo film in concorsoSuspiros del corazón”, di Enrique Gabriel sarà proiettato alle 11.00 del mattino, con replica alle 22.30. Coproduzione spagnola-argentina, è una commedia romantica dai tratti surreali, che ruota attorno a un giovane uomo d’affari che scopre che l’oroscopo di una rivista gli predice effettivamente il futuro. La rivista è curata da tre vecchi eccentrici, e la giovane figlia di uno dei tre sembra destinata a non lasciarlo indifferente...

Le proiezioni riprenderanno alle 16.00, con i film fuori concorso. S’inizierà con l’evento speciale “Isabel Allende”, un documentario-intervista di Claire Holland, del 2007. La scrittrice Isabel Allende, esiliata dal Cile dopo il colpo di stato del 1973, racconta della relazione con la propria patria, gli effetti dell’esilio sul suo lavoro letterario, e i suoi sentimenti nei confronti degli anni cileni. Una testimonianza a cuore aperto della scrittrice che ha venduto nel mondo oltre 15 milioni di copie dei suoi libri. Il documentario sarà introdotto in sala dal regista Sergio León.

Alle 18.00 verrà proposto il documentario “Tiro libre”, del regista cileno Marcelo Piña, sul tentativo di un gruppo di giocatori della nazionale di calcio palestinese di partecipare ai Campionati del Mondo; il film nel contempo esplora il significato dell’identità nazionale in una nazione senza Stato.

Alle 20.30, per la sezione dedicata agli oriundi italiani, verrà proposto il documentario “Quirino Cristiani, il mistero dei primi lungometraggi animati”, di Gabriele Zucchelli. Quirino Cristiani fu il vero padre del cinema d’animazione: nel 1917 realizzò il primo lungometraggio animato della storia del cinema ("El Apóstol"), e nel 1931 il primo lungometraggio animato con sonoro ("Peludópolis”). Nato in provincia di Pavia, nel 1900 emigrò con i genitori in Argentina, dove dopo scoprì l’arte dell’animazione. Ma il fatto di vivere lontano da Hollywood condizionò negativamente la sua carriera, tanto che il grande successo nel settore arrise ad altri giunti dopo di lui. La sua vita e la sua opera vengono ricordate in questo documentario del 2007.

Il regista, Gabriele Zucchelli, prima dell’inizio del film riceverà in sala dal Festival del Cinema Latino Americano di Trieste il “Premio Orundi”, per l’opera di riscoperta di questo importante e dimenticato cineasta d’origine italiana, scomparso nel 1984.
Seguirà alle 22.30, la replica dell’ultimo film in concorso, Suspiros del corazón”.

Le proiezioni video nella “Sala Birri” del Teatro Miela, inizieranno alle 10.00 del mattino, con dei cortometraggi della scuola di cinema dell’ENERC, seguiti alle 11.30 dal film “Detrás del sol, más cielo”, di Gastón A. Gularte, storia di un ragazzo che sogna di fuggire dalla povertà.
Seguiranno poi due opere fondamentali del grande regista cileno Miguel Littín (sottotitolate in italiano): alle 15.00 “Acta General de Chile”, emozionante documentario di quattro ore, girato clandestinamente nel 1985 per illustrare la realtà del suo Paese sotto la dittatura di Pinochet. Seguirà alle 21.00 “Compañero Presidente”, del 1971, un’ampia intervista dello scrittore francese Regis Debray al Presidente del Cile Salvador Allende, integrata con scene degli episodi citati nella conversazione.

Chiuderà, alle 22.15, per l’omaggio al regista Joaquim Pedro de Andrade, “Macunaíma”, del 1969, uno dei capisaldi del “Cinema Novo” brasiliano. Sottotitolato in inglese, è un adattamento dell’omonimo romanzo su di un eroe stravagante, archetipo del brasiliano-tipo.

Altre informazioni sul Festival del Cinema Latino Americano di Trieste sul sito web www.cinelatinotrieste.org, e al cassa del Teatro Miela, al tel. 040/3477672.

Condividi questa pagina