150 ore a Pavia (2006)

150 ore a Pavia

"Inizialmente si era pensato di coinvolgere nel progetto un extracomunitario che avrebbe impersonato un lavoratore frequentante gli attuali corsi 150 ore che, non riuscendo a frequentare a tempo pieno i corsi per impegni di lavoro, si vedeva assegnata dal suo insegnate una tesina di approfondimento con cui integrare la frequenza; il tema
prescelto sarebbe stato quello delle 150 ore, dalla nascita al presente. Lo studente lavoratore extracomunitario, attraverso incontri con gli ex allievi-operai dei corsi, avrebbe dunque ricostruito con le sue ricerche il significato storico delle 150 ore nel contesto sociale e culturale pavese.
Ricorrere ad un migrante di oggi come protagonista della docu-fiction ci avrebbe permesso anche di agganciare da subito uno dei temi, e degli obiettivi, che ci proponevamo di raggiungere col nostro prodotto, ossia la riflessione sui mutamenti subiti negli anni dalla nostra società e dai corsi 150 ore."

di Laura Marchesi [Visita la sua tesi »]

Le recensioni degli autori:

Vuoi scrivere una recensione e condividerla con gli altri utenti? Effettua il login come autore di Tesionline e potrai commentare ogni articolo che vuoi!

Tesi Correlate

  • Elementi e concetti della docu-fiction

    "Il documentario, e la docu-fiction come il documentario, possono essere considerati i work in progress per eccellenza del mondo cinematografico. Essi infatti non possono mantenere una rigidità di scrittura troppo stringente. In questo modo potrebbero non essere valorizzati elementi non preventivati (e non preventivabili) che invece sorgono nel momento della loro realizzazione pratica. La scrittura...»

Condividi questa pagina