A Soap (En Soap, 2006)

asoap

"Nella cinematografia scandinava si distingue un film che esce nel 2006 a tematica trans, A soap diretto da Pernille Fischer Christensen. La pellicola racconta di Charlotte, 32 anni, che è proprietaria di una clinica di bellezza. Un giorno decide di abbandonare il proprio compagno Kristian e di andare a vivere in un appartamento che conserverà l’aspetto della provvisorietà. Al piano di sotto abita un giovane transessuale che la donna conoscerà comprendendone i problemi. Film danese “classico” si può definire questo "En Soap" che riproduce volutamente lo stile di una soap opera per scavare nelle vite di due personaggi incerti sul loro futuro che tali restano sino allo scorrere dei titoli di coda. Girato in modo claustrofobico, (l’unico “sguardo” dall’esterno dedicato ad alberi costantemente e retoricamente in fiore), il film poggia il suo interesse sulla prestazione dei due protagonisti e sulla capacità di raccontare la sofferenza di una mente che vive in un corpo che non le appartiene. Con delicatezza (in particolare per quanto riguarda i rapporti di Ulrik/Veronica con la madre) e senza retorica trans." (Brano tratto dalla tesi si Roberta Todaro)

Le recensioni degli autori:

Vuoi scrivere una recensione e condividerla con gli altri utenti? Effettua il login come autore di Tesionline e potrai commentare ogni articolo che vuoi!

Tesi Correlate

  • Cinema gay. Filone gender o prodotto per tutti?

    "Il terzo testo a mio avviso fondamentale per capire la situazione attuale è "Cinema gay, l’ennesimo genere" di Roberto Schinardi (è un’indagine sulle più recenti modalità di narrazione che sembrano andare incontro a modelli di espressione più edulcorata, più adatta al grande pubblico e rinunciare parzialmente alla trasgressione e alla provocazione tipiche della prima militanza di questo gene di cinema....»

Condividi questa pagina