Alien (1979)

alien

"Metafora delle nostre paure più intense è il mostruoso alieno protagonista di Alien (Alien, 1979) diretto dall'inglese Ridley Scott. Indubbiamente questa pellicola appartiene a quella fantascienza, minacciosa e apocalittica, che tinge di nero il nostro futuro e che lascia presagire giorni cupi per l'umanità: un'umanità quasi sempre proiettata in un'epoca in bilico tra sempre più sofisticate conquiste tecnologiche e pauroso regresso civile e sociale.
Questo filone della science fiction svolge un discorso di tipo sociologico fondato sulla realtà del presente storico e sui suoi possibili sviluppi. Si tratta di una fantascienza che ammonisce l'umanità, richiamandola ad una più vigile coscienza e senso di responsabilità.
Alien appartiene cioè a quel filone che anticipa storie improbabili, ma non impossibili, nella speranza di prevenire terrificanti sciagure. E' proprio a partire da Alien che il termine "alieno" è venuto a designare, nel cinema fantastico e nel linguaggio corrente, la "creatura" proveniente dallo spazio esterno, il "diverso" proveniente dal buio degli "spazi siderali".
Già lo stesso termine è carico di sfumature non certo benevole verso l'altro. Infatti, nell'aggettivo latino "alienus", è implicita l'idea di ostilità, che nella nostra cultura si è conservata nel termine "alienato" con cui vengono etichettati gli "irregolari", gli elementi di disturbo. L'opposizione umano/alieno, presente nel film di Scott, diviene lo spunto iniziale di ulteriori opposizioni: noi/loro, cultura/natura, ragione/istinto, bene/male, io/es.
In realtà, tutto il cinema dell'invasione aliena, quello che tra tutti i generi possibili mette meglio in evidenza la paura dell' "altro" insita nell'uomo, è in fondo riconducibile proprio al conflitto dinamico tra l'io, regno del razionale, e l'es, regno delle pulsioni incontrollate e spesso incoffessabili."

di Cristina Borsatti [Visita la sua tesi »]

Le recensioni degli autori:

Vuoi scrivere una recensione e condividerla con gli altri utenti? Effettua il login come autore di Tesionline e potrai commentare ogni articolo che vuoi!

  • Lorenzo (Voto: 10/10):

    capolavoro, il capostipite di nuovo modo di fare fantascienza

Tesi Correlate

  • Film sugli alieni. I cult del cinema di fantascienza degli anni 70

    Nel 1978 gli alieni vengono nuovamente connotati positivamente con Superman di Richard Donner, che narra le avventure di un supereroe inviato sulla Terra dal padre, quando il loro pianeta (Krypton) viene distrutto.
    Crudeli e spietati sono invece gli invasori di Invasion of the Body Snatchers (Terrore dallo spazio profondo, 1978) di Philip Kaufman, remake del celebre L'invasione degli Ultracorpi di...»

Condividi questa pagina