American Psycho (2000)

psycho

"In American Psycho (Id., 2000) di Mary Harron nuovamente lo spettatore è messo di fronte a due dimensioni differenti: la realtà e una realtà apparente, che si scopre alla fine essere la terribile allucinazione di uno yuppie, cocainomane e schizofrenico, in costante gara con i colleghi per aggiudicarsi un tavolo nel miglior locale della città, per esibire l'ultima cravatta del più noto stilista o il biglietto da visita più chic.
Ma nel film l'allucinazione e la realtà non sono nettamente distinti. Anzi, è quasi impossibile comprendere quali siano i momenti reali e quali le visioni del protagonista ed effettuare una netta distinzione. Senza rispettare le regole classiche di rappresentazione del sogno e dell'allucinazione, la regista confonde perfettamente le due dimensioni. Non ci sono dissolvenze, né flou, né contorni sfumati o passaggi al bianconero che possano far percepire allo spettatore che è in atto un cambiamento.
La fotografia non muta: è proprio questo che lascia il pubblico sconcertato. Lo spettatore è portato a credere, sia attraverso la narrazione che attraverso la regia, che il protagonista stia veramente compiendo quegli omicidi. Per il pubblico Patrick Bateman (Christian Bale), il protagonista, è un serial killer. Il giudizio dello spettatore è stabilito, ancora prima della metà del film.
Ma quando viene rivelato che non esiste alcun cadavere e che l'uomo che crede di avere visto uccidere e tagliare a pezzi è ancora vivo, lo spettatore è costretto a rivedere tutta la teoria che ha formulato sul film.
Non si trova più dunque di fronte ad un giovane schizofrenico che taglia a pezzi colleghi e prostitute, ma ad un giovane schizofrenico che vede se stesso tagliare a pezzi colleghi e prostitute."

di Miriam Sala [Visita la sua tesi »]

Le recensioni degli autori:

Vuoi scrivere una recensione e condividerla con gli altri utenti? Effettua il login come autore di Tesionline e potrai commentare ogni articolo che vuoi!

Tesi Correlate

  • Difficoltà nell'adattamento di "American Psycho" di Ellis

    "Difficile raccontare al cinema un personaggio come Bateman, che agisce in modo incoerente e senza un senso apparente. Nei film si cerca quasi sempre di dare una spiegazione, di dare un senso agli episodi che si rappresentano.
    Per lo spettatore è un’esperienza frustrante arrivare alla fine della proiezione senza essere riuscito a cogliere l’essenza, a capire le intenzioni che muovono un personaggio...»

  • Sogno, realtà e immaginazione nel cinema americano

    "Il cinema è stato definito anche «la fabbrica dei sogni»: un luogo entro il quale le fantasie umane possono essere riprodotte artificialmente. Quest'espressione è divenuta ormai parte del linguaggio comune e, all'interno della nostra società, cinema è diventato sinonimo dell'evasione totale, della possibilità di realizzare i desideri di ogni individuo, anche se soltanto attraverso la loro visione...»

Condividi questa pagina