Anno 2000 la corsa della morte (Death Race 2000, 1975)

anno2000

"La gara nella quale un giocatore si trova a concorrere contro tutti gli altri è semplicemente una moltiplicazione di duelli, duplicazione in senso temporale e spaziale: più duelli contemporaneamente nello stesso momento come in Death Race 2000 e più duelli uno di seguito all’altro come in Quintet.
Nel primo caso la contemporaneità spaziale è data dalla natura di corsa automobilistica della gara, come nel secondo la successione dei duelli è data dalla struttura del gioco di ruolo che fornisce il nome al film.
In Death Race 2000 le Province Unite d’America (nuova realtà geopolitica) organizzano, come ogni anno, una corsa automobilistica estremamente violenta, nella quale l’uccisione dei pedoni aggiunge punti alla graduatoria finale dei concorrenti.
La gara si conclude con la morte di tutti gli avversari e la vittoria dell’unico sopravvissuto, Frankestein (David Carradine) che diventa Presidente.
Prodotto a basso budget da Roger Corman, Death Race, con un intreccio dondolante e dei personaggi comicamente sciocchi, è da alcuni critici ritenuto il perfetto antidoto all’altro film fantascientifico uscito nello stesso anno, Rollerball.
Tanto uno prende sul serio la violenza e il suo uso come fattore di controllo sociale, quanto l’altro la utilizza per fare una leggera satira dell’intero genere fantascientifico distopico.
Per altri, “recitazione approssimativa, gags di dubbio gusto, istrionismo gratuito, regia evanescente fanno di questo film un’opera mancata che delude profondamente dopo aver molto promesso. Resta soltanto una fotografia nitida e ben curata: ma, francamente, è un po’ poco”.
Per fortuna, il film non pretende di essere troppo serio e di essere trattato con troppa serietà."

di Linda Verzani [Visita la sua tesi »]

Le recensioni degli autori:

Vuoi scrivere una recensione e condividerla con gli altri utenti? Effettua il login come autore di Tesionline e potrai commentare ogni articolo che vuoi!

Tesi Correlate

  • Gioco, gara e competizione nel cinema di fantascienza

    "La competizione è una componente della narrazione perché ogni racconto si fonda su uno scontro, di solito fra protagonista e antagonista, e sul tentativo del protagonista di superare gli ostacoli per raggiungere l’obiettivo finale.
    Se questa costruzione si trova già nella favola, è il cinema mainstream hollywoodiano a utilizzarla in quasi tutti i generi, perché l’agon è funzionale alla narrazione....»

Condividi questa pagina