Biennale di Venezia: le nuove nomine

Venezia, 16 gennaio 2008

Riceviamo e voltentieri pubblichiamo


Il nuovo Consiglio di Amministrazione della Fondazione la Biennale di Venezia, presieduto da Paolo Baratta, si è riunito per la prima volta oggi 16 gennaio 2008 nella sede di Palazzo Querini Dubois e ha proceduto alle nomine dei Direttori per i Settori Architettura, Cinema, Danza e Teatro, nonché del Direttore Generale.

Questi gli incarichi deliberati per i periodi sotto indicati:
allo statunitense di formazione olandese Aaron Betsky - già per tre volte curatore del Padiglione dei Paesi Bassi nelle ultime Biennali di Architettura e Leone d’Oro per la migliore partecipazione nazionale nell’edizione del 2002 – è stato affidato l’incarico della 11. Mostra Internazionale di Architettura;
Marco Müller è stato nominato Direttore del Settore Cinema per quattro anni;
Maurizio Scaparro, già Direttore del Settore Teatro nel biennio 2006-2007, è stato confermato per il biennio 2008-2009;
Ismael Ivo, già Direttore del Settore Danza nel triennio 2005-2007, è stato confermato per il 2008.
Direttore Generale della Fondazione la Biennale di Venezia è stato nominato Andrea Del Mercato.

Aaron Betsky, già direttore per sei anni del Netherlands Architecture Institute (NAI) di Rotterdam, uno dei più importanti musei e centri di architettura del mondo, e dallo scorso anno Direttore del Cincinnati Art Museum, curerà la 11. Mostra Internazionale di Architettura Out There. Architecture Beyond Building che sarà inaugurata al pubblico domenica 14 settembre e sarà aperta fino al 23 novembre 2008 (vernice 11, 12 e 13 settembre). Sempre più spesso – nella visione di Betsky - gli edifici del nostro tempo, nonostante i proclami e gli sforzi, non riescono a farci sentire a nostro agio nelle mutevoli necessità della contemporaneità. Dobbiamo essere disposti a usare ogni forma, immagine e “tattica” che ci aiuti a inquadrare, capire e organizzare un mondo che è in costante mutamento. La sostanza che alimenta questa trasformazione dobbiamo assorbirla dall'arte, dall'architettura del paesaggio, dall’interior design, dai media emergenti e dalla letteratura. Non dobbiamo lasciare che gli edifici soli protagonisti diventino la tomba dell'architettura, ma impegnarci per realizzare un'architettura che sentiamo nostra, che ci aiuti a capire e a rappresentare il mondo in cui viviamo. L'11. Mostra Internazionale di Architettura della Biennale di Venezia presenterà installazioni appositamente realizzate, manifesti d’intento e scenari di un "pensare/essere architettura" che va oltre il costruire. Saranno esposte le architetture sperimentali da tutto il mondo e i più significativi aspetti delle sperimentazioni nell'attività progettuale attuale.

Marco Müller è stato incaricato di proseguire per altri quattro anni il lavoro iniziato nel 2004, che ha prodotto una Mostra sempre più presente nel panorama internazionale, attenta alle cinematografie emergenti, sensibile ai nuovi talenti e al contempo forte di un solido e costante rapporto con la migliore produzione di tutto il mondo, confermando la mostra come vetrina privilegiata del lancio delle grandi produzioni internazionali. La 65. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica si terrà dal 27 agosto al 6 settembre 2008.

Maurizio Scaparro porterà a conclusione un quadriennio alla Biennale con un incarico di due anni. I problemi fondamentali per il teatro oggi – secondo Scaparro – sono quelli del linguaggio, della creatività e la necessità di recuperare il rapporto vitale con i giovani. Partendo dall’esperienza del 2006 e 2007, i prossimi due anni del Settore Teatro saranno strettamente legati il primo, 2008, a un laboratorio internazionale di formazione e specializzazione e a un campus universitario, il secondo, 2009, a un Festival Internazionale di Teatro che si svolgerà nel febbraio dello stesso anno. Entrambi saranno legati a un tema artistico unico: il Mediterraneo. L’intento è di riscrivere un percorso teatrale d’oggi che partendo dal Mediterraneo ricolleghi frammenti preziosi di una civiltà antica che si sta distruggendo con le guerre e la violenza.
Maurizio Scaparro sarà inoltre portavoce e coordinatore della presenza della Fondazione la Biennale di Venezia nel progetto europeo ENPARTS.

Ismael Ivo porterà a conclusione un quadriennio alla Biennale Settore Danza con un incarico di un anno per la realizzazione, prevista nel mese di giugno 2008, del 6. Festival Internazionale di Danza Contemporanea dal titolo Beauty. Art is beautiful! Come definirla ed esprimerla? L’arte è per caso l’amante segreta della bellezza? In questi tre anni il Festival di Danza si è focalizzato sul tema del corpo, in riferimento alla coreografia e al pensiero contemporanei. A Ismael Ivo è parso opportuno concludere questo ciclo con una riflessione sulla bellezza: se nel mondo di oggi questo concetto si declina esclusivamente come espressione fisica, tralasciando ogni valore interiore, ecco che l’arte della danza, pura bellezza in movimento, può aprire nuovi orizzonti di senso e sensibilità.

Il nuovo Direttore Generale, Andrea Del Mercato, nato nel 1967, vive e lavora a Venezia dal 1996, laureato in Filosofia alla Sapienza di Roma e Master of Arts and Bachelor of Arts in Social and Political Sciences all’Università di Cambridge UK, proviene da una decennale esperienza condotta prevalentemente nell’ambito delle amministrazioni pubbliche veneziane, che lo ha visto dar vita e gestire l’esordio della Venice International University, dirigere le Relazioni Internazionali e successivamente le Politiche Sociali del Comune di Venezia, sempre con importanti incarichi di natura progettuale, organizzativa e di coordinamento.

Condividi questa pagina