Segni di vita. Werner Herzog e il cinema

Di Grazia Paganelli - Edizioni Il Castoro

Riceviamo e volentieri pubblichiamo


Sarà in libreria dal prossimo 22 gennaio un importante volume pubblicato in occasione di Segni di vita – Werner Herzog e il cinema, grande evento organizzato dal Museo Nazionale del Cinema dal 15 gennaio al 10 febbraio 2008 a Torino, in omaggio a uno dei registi più interessanti ed estremi del nostro tempo, che proprio nel 2007 ha festeggiato i quarantacinque anni di attività: Segni di vita. Werner Herzog e il cinema di Grazia Paganelli.
Il libro indaga per grandi temi il cinema di Werner Herzog, analizzando i singoli film ma anche seguendo le analogie e le linee dominanti che legano tra loro le molte opere del regista tedesco. Una lunga conversazione-intervista inedita realizzata con Herzog dopo le riprese del suo ultimo film Encounters at the End of the World, integra ogni capitolo, attraversando argomenti come l’estasi, il viaggio e il paesaggio, ma anche argomenti più insoliti come il concetto di realismo, la musica, il linguaggio.

Ne deriva un sorprendente ritratto personale e artistico che fa emergere la figura di Herzog in tutta la sua complessità. L’aura di regista estremo e avventuroso, capace di affrontare ogni sorta di pericoli pur di portare a termine i suoi film, risulta, così, parte di una mitologia affascinante ma riduttiva. Lo stesso Herzog afferma di essere soltanto un “narratore di storie”. Il suo inconfondibile sguardo sugli angoli più remoti e inospitali del nostro pianeta lo definisce piuttosto come un cercatore di storie, un appassionato esploratore di visioni guidato dalla macchina da presa alla ricerca dell’attimo di “estatica verità” nascosta nei volti, nei luoghi, nei paesaggi.

Completano il volume cento pagine di immagini provenienti direttamente dall’archivio Herzog. L’introduzione al libro è di Alberto Barbera.

L’autrice: Grazia Paganelli (Caracas, 1972), critico cinematografico, è redattrice della rivista «Filmcritica» e scrive per le riviste «Panoramiche», «Sentieri Selvaggi», «Il ragazzo Selvag gio». È programmatrice del Museo Nazionale del Cinema di Torino. Ha scritto Erich von Stroheim. Lo sguardo e l’iperbole (2000) e Il vento e la città. Il cinema di Amir Naderi (2006).

SEGNI DI VITA. Werner Herzog e il cinema
di Grazia Paganelli
In collaborazione con Museo Nazionale del Cinema
Prezzo: 26 Euro; 312 pagine
Dal 22 gennaio in libreria

Condividi questa pagina