Sean Penn regista allo Spazio Oberdan

Dal 14 al 29 marzo - Spazio Oberdan (Viale Vittorio Veneto 2, Milano)

La Fondazione Cineteca Italiana presenta allo Spazio Oberdan un omaggio al cinema di Sean Penn regista, dal 14 al 29 marzo.

Sono solo quattro i lungometraggi realizzati di cui Sean Penn ha firmato la regia (e di tutti anche la sceneggiatura), ma già dal suo film di esordio dietro la macchina da presa (Lupo solitario, 1991) si capiva il suo grande talento.

I protagonisti dei suoi film sono senza mezze misure, estremi, mossi da ossessioni viscerali e sempre pronti a rischiare il tutto per tutto in nome di una ricerca sincera, ostinata, generosa fino all’autodistruzione. Personaggi idealisti e spinti da un grande desiderio di libertà, ai quali fa da contrappunto una scrittura altrettanto libera, visionaria, a volte, come loro, perfino eccessiva. Il suo cinema costituisce un’immagine di verità, un’ansia di assoluti rarissimi nel panorama – non solo cinematografico – contemporaneo, e restituisce all’uomo e al suo rapporto con il mondo quella profondità e grandezza che sembrano essere andate smarrite.

I film in programmazione (in ordine alfabetico):

Into the Wild
R. e sc.:S. Penn, dal romanzo Nelle terre estremedi Jon Krakauer. Int.:Emile Hirsch, Marcia Gay Harden, William Hurt, Jena Malone, Vince Vaughn, Catherine Keener. Usa, 2007, col., 148’.
Christopher McCandless ha appena conseguito la laurea, lo attenderebbe un promettente futuro, tuttavia decide di abbandonare la sua vita agiata e la sua famiglia e di partire all’avventura, verso l’ignoto. Senza denaro e con solo uno zaino in spalla, inizia così un viaggio attraverso gli Stati Uniti che si concluderà fra le selvagge foreste dell’Alaska.
Sa. 29 mar. (h 21)

Lupo solitario
R. e sc.:S. Penn. Int.:David Morse, Viggo Mortensen, Valeria Golino, Patricia Arcquette, Charles Bronson, Dennis Hopper. Giappone/Usa, 1991, col., 127’.
I fratelli Joe e Frank Roberts, da piccoli inseparabili, divenuti adulti si sono divisi: Joe, venduta la fattoria in campagna, s’è trasferito nel Nebraska, dove, dopo essere diventato poliziotto, ha sposato Maria, una giovane donna messicana che la sua famiglia prima ha molto osteggiato e poi ha imparato ad apprezzare; Frank, invece, si è arruolato nell’esercito degli Stati Uniti.
Ve. 14 mar. (h 21.15)/Me. 19 mar. (h 21.15)

La promessa
R.:S. Penn. Sc.:Jerzy Kromolowski, Mary Olson-Kromolowski, dal romanzo omonimo di Friedrich Dürrenmatt. Int.:Jack Nicholson, Robin Wright Penn, Dale Dickey, Benicio Del Toro, Aaron Eckhart. Usa, 2001, col., 124’.
È l’ultimo giorno di lavoro per l’ispettore Jerry Black e i colleghi gli hanno regalato un biglietto aereo perchè realizzi un suo vecchio sogno: andare a pesca in Messico. Viene ritrovato, però, il corpo di una bambina di otto anni e sarà lui ad andare a casa della bambina a portare l’orribile notizia. “La promessa” è quella che l’ispettore fa alla madre sconvolta: sarà capace di scovare il maniaco colpevole ad ogni costo.
Ve. 21 mar. (h 21.15)/Do. 23 mar. (h 19)

Tre giorni per la verità
R. e sc.:S. Penn. Int.:Jack Nicholson, John Savane, Priscilla Barnes, Angelica Huston, Piper Laurie. Usa, 1995, col., 106’.
Il gioielliere Freddy Gale, la cui figlia Emily è stata uccisa da un automobilista ubriaco, John Boothe, aspetta sette anni che il colpevole esca di prigione per incontrarlo, concedergli tre giorni di vita prima di ucciderlo. La bambina era l’unica persona importante della sua vita, ormai inesorabilmente sconvolta.
Sa. 22 mar. (h 19)/Ve. 28 mar. (h 19)

INGRESSO: Biglietto 5 euro + cinetessera

Info per il pubblico: biglietteria Spazio Oberdan, tel. 02.7740.6300

Approfondimenti

  • "Into The Wild": Lo splendore di un capolavoro mancato

    “La felicità è reale solo quando è condivisa…” Con queste parole si chiude un film magnifico firmato da Sean Penn e vincitore della sezione Premiere della Festa del Cinema di Roma. Queste parole mi hanno colpito come una scarica elettrica, e non perché fossero particolarmente belle o chissà. Perché da quel momento tutto mi è parso più chiaro.
    «Into the Wild» è un film splendido. La regia lirica di...»

Condividi questa pagina