Senso (1954)

senso

"Il film ebbe una genesi molto travagliata a causa sia del metodo di lavoro viscontiano e del clima politico culturale in cui nacque.
Infatti, il lavoro ebbe una lunga fase di adattamento del testo di Camillo Boito, perché il regista volle creare un film che da un lato, non producesse reazioni politiche troppo dure e, dall’altro, si presentasse come opera allettante per forma e contenuto.
Il film che doveva inizialmente intitolarsi I vinti e Custoza racconta la storia di Livia e Franz che s’innamorano sacrificando il bene delle rispettive patrie: l’Italia e l’Austria. I due si conoscono alla rappresentazione del Trovatore a La Fenice di Venezia, la vigilia della battaglia di Custoza.
Durante la rappresentazione scoppia una manifestazione irredentista, durante il quale il marchese patriota Ussoni sfida il tenete austriaco Franz Mahler. La contessa Livia Serpieri, ardente patriota, ma sposata con un collaborazionista, per salvare il cugino Ussoni incontra Franz.
Non riesce ad evitare l'esilio per il cugino, ma s'innamora del tenente. Livia diventa l’amante di quest’ultimo, e quando Franz la lascia, non curante dello scandalo, lo cerca per tutta Venezia. Mentre è alla ricerca disperata del tenente, incontra il cugino che le affida del denaro per l'insurrezione.
Una notte Franz rincontra Livia e le chiede del denaro perché ne ha bisogno per pagare un medico e farsi esonerare dal servizio militare. Livia non esita a dargli il denaro dei patrioti italiani che le avevano affidato. Franz, avuto quello che voleva, scompare.
Alla battaglia di Custoza, Ussoni è coinvolto nella ritirata, Livia invece, temendo la vittoria italiana, rintraccia Franz a Verona per salvarlo, ma lo trova in compagnia di un'altra donna. Livia fuori di sé, lo denuncia come disertore al comando austriaco. Il giovane è fucilato e la donna perde la ragione."

di Alina Pirilli [Visita la sua tesi »] [Leggi i suoi articoli »]

Le recensioni degli autori:

Vuoi scrivere una recensione e condividerla con gli altri utenti? Effettua il login come autore di Tesionline e potrai commentare ogni articolo che vuoi!

Tesi Correlate

  • Eco pittoriche in "Senso" di Visconti. Canova e Hayez

    L’inizio dell’amore tra Livia e Franz porta alla nostra attenzione un primo quadro, quello di Telemaco Signorini: "La toletta del mattino", un dipinto realizzato con un tono umoristico, tendente alla macchietta e alla caricatura. Visconti lo trasforma in un momento umiliante per la contessa, che sembra in cerca di un amore mercenario con Franz, che più che un uomo sembra una “diva maschio”.
    Franz...»

  • Giancarlo Zagni sul set di "Senso" di Visconti

    "Giancarlo Zagni: 'Senso, prodotto dalla Lux Film, era girato con il sistema technicolor originale che allora comportava una Mitchell (macchina da presa 35 mm. con il blimp e il parallasse) sulla quale era montato uno speciale chassis in cui giravano tre rulli negativi (Negativo Kodak Tripack), ciascuno dei quali impressionava la stessa scena, ma con una sola dominante di colore - rosso, verde, giallo...»

Condividi questa pagina