A Roma il cinema espressionista - I parte

Cinema Trevi (Vicolo del Puttarello 25 - Roma) - dal 26 al 30 marzo

«L’occhio dell’espressionismo non guarda all’esterno. È interiore e mira a penetrare ciò che è dentro. Non gli spetta il compito di riprodurre la realtà, ma di raffigurarla come l’individuo la sente e vede, cioè ricrea, dentro di sé. (…) Una espressione che raggiunge l’intensità attraverso la deformazione».

Mario Verdone


Fiorito in Germania tra gli anni Dieci del Novecento e l’avvento del nazismo, l’espressionismo tedesco ha le sue radici nel romanticismo e nel wagnerismo ed è un fenomeno complesso e multidisciplinare, che investe diversi campi artistici e si sviluppa nell’arte, nel teatro e nell’architettura prima ancora che nel cinema. Il film che afferma definitivamente la tendenza espressionista del cinema tedesco è Il gabinetto del dottor Caligari di Robert Wiene (1919), che addirittura ha fatto parlare di “caligarismo”. Ed è impossibile non citare Metropolis (1926) di Fritz Lang, un film culto, che ha arricchito l’espressionismo cinematografico di motivi sociali, futuristi, costruttivisti. La rassegna presenta, accanto a questi due titoli fondamentali, i principali film espressionisti, cercando di dar conto delle tendenze e degli autori principali: da Wiene a Murnau, da Pabst a Lang, da Leni a Martin, da Rye a Jutzi, da Dupont a Oswald. Un’occasione per (ri)scoprire l’immensa innovazione estetica, etica e linguistica portata da questa che è una delle principali correnti artistiche del Novecento.

La rassegna – che è in programma al Cinema Trevi a marzo per proseguire, con una seconda parte, nel mese di aprile – è curata dalla Cineteca Nazionale in collaborazione con l’Università di Roma “La Sapienza”.
I film proiettati nell’ultimo spettacolo saranno accompagnati dal vivo dal Maestro Antonio Coppola, dal 1975 specialista, noto in tutto il mondo, nella creazione, realizzazione ed improvvisazione di colonne sonore per il cinema muto.
In occasione della retrospettiva, il Centro Sperimentale di Cinematografia pubblica inoltre il libro L’espressionismo e il cinema tedesco, a cura di Paolo Bertetto, con saggi di Jacques Aumont, Ester De Miro D’Ayeta, Claudine Eizykman, Thomas Elsaesser, Jesús González Reqena, Jean-Louis Leutrat, Leonardo Quaresima, Giovanni Spagnoletti.

mercoledì 26

ore 17.00
Torgus
(1920)
Regia: Hans Kobe; soggetto: tratto da un’antica leggenda islandese; sceneggiatura: Carl Meyer; fotografia: Karl Freund; interpreti: Eugen Klöpfer, Maria Leiko, Adele Sandrock, Hermine Strassmann, Herta Russ-Schillinger, Herta Arnold; origine: Germania; produzione: UFA, Union; durata: 61’

a seguire

Geheimnisse einer seele (1926)
Regia: Georg Wilhelm Pabst; sceneggiatura: Colin Ross, Hans Neumann; fotografia: Guido Seeber, Robert Lach, Kurt Oertel; interpreti: Werner Krauss, Ruth Weyher, Ilka Grüning, Jack Trevor, Pawel Pawlow; origine: Germania; produzione: UFA, Hans Neumann-Film; durata: 67’

ore 19.30
Scherben
(1921)
Regia: Lupu Pick; soggetto e sceneggiatura: Carl Mayer, L. Pick; interpreti Werner Krauss, Hermine Strassmann-Witt, Edith Posca; origine: Germania; produzione: Rex-Film Gmbh; durata: 56’

ore 20.45 - Il cinema del Csc
Quanta donna vuoi
(2004)
Regia: Edoardo De Angelis; soggetto e sceneggiatura: E. De Angelis, Andrea Agnello, Devor De Pascalis; fotografia: Luca Ranzato; scenografie e costumi: Medile Siaulytyte; suono in presa diretta: Valentino Giannì; montaggio: Andrea Santoro; musica: Riccardo Ceres; organizzatore generale: Enrico Finocchiaro; interpreti: Fabio Ferri, Marina La Rosa, Stefania Ugolini; origine: Italia; produzione: Csc; durata: 10’

a seguire

Die Buchse der Pandora (Il vaso di Pandora/Lulù, 1928)
Regia: Georg Wilhelm Pabst; soggetto: dai drammi Erdgeist e Die Buche der Pandora di Frank Wedekind; sceneggiatura: Laszlo Wajda; fotografia: Günther Krampf; interpreti: Louise Brooks, Fritz Körtner, Franz Lederer, Carl Getz, Alice Roberts, Krafft Raschig, Daisy d’Ora; origine: Germania; produzione: Nero Film; durata: 112’
Accompagnamento musicale dal vivo del Maestro Antonio Coppola

giovedì 27

ore 17.00
Alraune
(1928)
Regia: Henrik Galeen; soggetto: dal romanzo Alraune, die Geschichte eines lebenden Wesens di Hans Heinz Ewers; sceneggiatura: H.H. Ewers, H. Galeen; fotografia: Franz Planer; interpreti: Brigitte Helm, Paul Wegener, Ivan Patrovich, Kathe Haack, Valeska Gert, Angela Chiarini; durata: 124’

ore 19.15
Der Schatz
(Il tesoro, 1923)
Regia: Georg Wilhelm Pabst; soggetto: dal racconto di Rudolph Hans Bartsch; sceneggiatura: Willy Hennings, G.W. Pabst; fotografia: Otto Tober; scenografia: Robert Hertl; interpreti: Albert Steinrück, Ilka Grüning, Lucie Mannheim, Werner Krauss, Hans Brausewetter; origine: Germania; produzione: Carl Froelich; durata: 67’

ore 20.30 - Il cinema del Csc
Stanza 21
(2004)
Regia: Matteo Oleotto; soggetto: M. Oleotto; sceneggiatura: Devor de Pascalis e M. Oleotto; fotografia: Maximiliano Taricco; montaggio: Giuseppe Trepiccione; suono: Piero Fancellu; scenografia e costume: Giovanna Cirianni; musica: Mauro D’Alessandro e Benedetto Penazzi; organizzazione: Giuseppe Pugliese; interpreti: Marcela Serli, Riccardo Maranzan; origine: Italia; produzione: Csc; durata: 9’

a seguire

Das Phantom (Il fantasma, 1922)
Regia: Friedrich Wilhelm Murnau; sceneggiatura: Thea von Harbou; fotografia: Axel Graatkjaer, Theophan Ouchakoff; interpreti: Alfred Abel, Frida Richard, Aud Egede Nissen, Hans Heinrich von Twardowski, Karl Etlinger, Lil Dagover, Grete Berger, Anton Edthofer, Ilka Grüning, Lya de Putti; origine: Germania; produzione: Uco Film; durata: 139’
Accompagnamento musicale dal vivo del Maestro Antonio Coppola

venerdì 28

ore 17.00
Die Nibelungen
(1924)
Regia: Fritz Lang; soggetto: ispirato alla Canzone dei Nibelunghi (anonimo XIII secolo) e ad altre saghe di origine nordeuropea; sceneggiatura: Thea von Harbou, F. Lang; fotografia: Walter Ruttmann, Günther Rittau, Carl Hoffmann; musica: Gottfried Huppertz; interpreti: Paul Richter, Margarete Schön, Rudolph Klein-Rogge, Hanna Ralph, Georg August Koch, Theodor Loos; origine: Germania; produzione: Decla-Bioscop Ag, UFA; durata: 237’

ore 21.15 - Il cinema del Csc
La banda
(2003)
Regia: Claudio Giovannesi; soggetto e sceneggiatura: Francesco Apice, Daniela Gambaro; fotografia: Francesco Pennica; montaggio: Stefano Mariotti; musiche: Claudio Giovannei; suono in presa diretta: Sandro Ivessich Host; scenografia e costumi: Alessandra Stella; organizzazione: Chiara Boschiero; interpreti: Valentina Lodovini, Simone Ottaviani, Nino Meloni, Leonardo Maddalena; origine: Italia; produzione: Csc; durata: 8’

a seguire

Der letzte Mann (L’ultima risata, 1924)
Regia: Friedrich Wilhelm Murnau; soggetto e sceneggiatura: Carl Mayer; fotografia: Karl Freund; interpreti: Emil Jannings, Maly Delschaft, Max Hiller, Emilie Kurz, Hans Unterkirchen, Georg John; origine: Germania; produzione: Decla Film/Ufa; durata: 91’
Accompagnamento musicale dal vivo del Maestro Antonio Coppola

sabato 29

ore 16.30
Die Hintertreppe
(1921)
Regia: Paul Leni, Leopold Jessner; sceneggiatura: Carl Mayer; fotografia: Karl Hasselmann; interpreti: Henny Porten, Wilhelm Dieterle, Fritz Kortner; origine: Germania; produzione: Henny Porten Film; durata: 52’

a seguire

Schatten. Eine nachtliche Halluzination (1922)
Regia: Arthur Robison; soggetto: da un’idea di Albin Grau; sceneggiatura: A. Robison, Rudolph Schneider; fotografia: Fritz Arno Wagner, Hugo von Raweezinskii; interpreti: Fritz Kortner, Ruth Weyher, Gustav von Wangenheim, Alexander Granach, Fritz Rasp, Ferdinand von Alten; origine: Germania; produzione: Pan Film; durata: 88’
Copia proveniente dalla Cineteca di Bologna

ore 20.00
Das Wachsfigurenkabinett
(1923)
Regia: Paul Leni, Leo Birinski; soggetto: Henrik Galeen; sceneggiatura: L. Birinski; fotografia: Helmar Lerski; scenografia: P. Leni; assistente alla regia: Wilhelm Dieterle; interpreti: Emil Jannings, Conrad Veidt, Werner Krauss, W. Dieterle, Olga Belajeff, John Gottow; origine: Germania; produzione: Neptun Film; durata: 77’
Copia proveniente dalla Cineteca di Bologna

ore 21.30
Der Golem
(Il Golem, 1920)
Regia: Paul Wegener, Carl Boese; soggetto: dal racconto di Gustav Meyrink; sceneggiatura: P. Wegener, Henrik Galeen; fotografia: Karl Freund; interpreti: P. Wegener, Albert Steinrück, Lyda Salmonova, Ernst Deutsch, Lothar Müthel, Otto Gebühr; origine: Germania; produzione: Projektion, AG. Union, UFA; durata: 73’
Copia proveniente dalla Cineteca di Bologna
Accompagnamento musicale dal vivo del Maestro Antonio Coppola


domenica 30

ore 16.30

Mutter Krausens Fahrt ins Glück (Il viaggio di mamma Krause verso la felicità, 1929)
Regia: Phil Jutzi; soggetto: Otto Nagel, Heinrich Zille; sceneggiatura: Willy Döll, Jan Fethke; fotografia: P. Jutzi; interpreti: Alexandra Schmitt, Holmes Zimmermann, Ilse Trautschold, Gerhard Bienert, Vera Sacharowa, Friedrich Gnass; origine: Germania; produzione: Prometheus; durata: 136’

ore 19.00
Der student von Prag
(Lo studente di Praga, 1913)
Regia: Stellan Rye; soggetto: da un romanzo di Hanz Heinz Ewers; sceneggiatura: Paul Wegener, H. H. Ewers; fotografia: Guido Seeber; interpreti: P. Wegener, John Gottwt, Lyda Salmonova, Lothar Körner, Grete Berger, Fritz Weidmann; origine: Germania; produzione: Deutsche Bioscop; durata: 130’
Copia proveniente dalla Cineteca di Bologna

ore 21.15 - Il cinema del Csc
30 febbraio
(2004)
regia: Sergio Basso; sceneggiatura: Josella Porto, S. Basso; fotografia: Valentina Summa; montaggio: Filippo Maria Montemurro; scenografie: Marinella Perrotta; costumi: Medile Siaulytyte; musica: Umberto Smerilli; interpreti: Renato De Carmine, Antonella Sini; organizzatore genreale: Jean-Denis Ledinahet; origine: Italia; produzione: Csc; durata: 8’

a seguire

Das Tagebuch einer Verlorenen (Il diario di una donna perduta, 1929)
Regia: Georg Wilhelm Pabst; sceneggiatura: Rudolf Leonhard; fotografia: Sepp Allgeier; interpreti: Louise Brooks, Fritz Rasp, Edith Meinhard, Vera Pawlowa, Josef Rovensky, André Roane; origine: Germania; produzione: Georg Wilhelm Pabst; durata: 118’
Accompagnamento musicale dal vivo del Maestro Antonio Coppola

Condividi questa pagina