Carlo Mazzacurati allo Spazio Oberdan

Spazio Oberdan (Milano) - Dal 23 aprile all’8 maggio 2008

La Fondazione Cineteca Italiana dal 23 aprile all’8 maggio dedica una rassegna a Carlo Mazzacurati, con dieci lungometraggi e tre bellissimi documentari su grandi scrittori italiani: "Ritratti", una raccolta di dialoghi con importanti personaggi della cultura veneta realizzati assieme a Marco Paolini (Andrea Zanzotto, Mario Rigoni Stern, e Luigi Meneghello).

Carlo Mazzacurati, nato in un piccolo paese del padovano, già collaboratore di Gabriele Salvatores alla sceneggiatura di Marrakech Express, interprete di piccole parti in alcuni film di Nanni Moretti, fu “lanciato” da Moretti che coprodusse Notte italiana (1986), il suo film esordio dietro la macchina presa. Da allora, Mazzacurati ha realizzato altri nove lungometraggi, componendo un quadro ricco di sensibilità della provincia italiana: Il prete bello (1989), tratto dal romanzo omonimo di Goffredo Parise, Un'altra vita (1992), Il toro (1994, Leone d'argento a Venezia e coppa Volpi a Roberto Citran), Vesna va veloce (1996), L'estate di Davide (1998), La lingua del santo (1999), A cavallo della tigre (2002), rifacimento di una commedia girata nel 1961 da Luigi Comencini, L'amore ritrovato (2004).
Luoghi periferici, di margine, abitati da personaggi semplici, fragili, spesso alle prese con un senso di inadeguatezza che diventa il motivo primo della loro costante, coraggiosa ricerca di una propria definizione, di un posto nel mondo. Persone, più che personaggi sono sulle quali lo sguardo di Mazzacurati si posa evitando il giudizio, animato solo da un affetto profondo e dal rispetto sincero per la complessità dell’essere umano.

Mercoledì 23 aprile alle ore 21 per la proiezione dell’ultimo film di Mazzacurati La giusta distanza, sarà presente in sala per un incontro con il pubblico l’attrice protagonista Valentina Lodovini. Il regista Carlo Mazzacurati sarà invece presente in sala domenica 4 maggio alle ore 21 per la proiezione del suo primo film Notte italiana.

I tre documentari intitolati: Ritratti: Andrea Zanzotto, Ritratti: Luigi Meneghello, Ritratti: Mario Rigoni Stern sono stati inseriti nella sezione Off Oberdan, con proiezione pomeridiana a ingresso libero per possessori di Cinetessera.

Lungometraggi in ordine alfabetico:

A cavallo della tigre
R.:C. Mazzacurati. Sc.:Franco Bernini, Carlo Mazzacurati. Int.:Fabrizio Bentivoglio, Paola Cortellesi, Tuncel Kurtiz, Boubker Rafik, Manrico Gammarota, Marco Messeri, Marco Paolini. Italia, 2001, col., 107’.
Guido, vitale quarantenne pieno di debiti, vive a Milano. Per risolvere la sua situazione economica progetta una rapina nella quale coinvolge la sua compagna Antonella, ballerina televisiva. Il colpo va male a causa di un imprevisto. Guido viene arrestato mentre Antonella riesce a fuggire, portando con sé l’intero bottino. Guido sta per uscire di prigione quando due ergastolani lo coinvolgono a forza in una evasione. Fuori dal carcere, per evitare una nuova condanna, Guido non ha altra scelta che seguire i due. Ma il suo vero scopo è quello di ritrovare Antonella.
Sa. 3 mag. (h 15)

Un’altra vita
R.: C. Mazzacurati . Sc.:C. Mazzacurati, Franco Bernini. Int.: Silvio Orlando, Adriana Biedrzynska, Claudio Amendola, Antonello Fassari, Antonella Ponziani, Monica Scattini. Italia, 1992, col., 99’.
Saverio, giovane dentista separato dalla moglie, vive solo. A rompere la monotonia delle sue giornate arriva per farsi curare un dente la giovane straniera Alia. Saverio inizia il lavoro ma la donna sparisce senza pagare. Alia si ripresenta dopo qualche giorno per proseguire la cura. Saverio inizia timidamente a corteggiarla, ma a un tratto la ragazza scompare di nuovo. Saverio si mette a cercarla. Conosce Mauro, e una sera giunge a una baraccopoli in riva al mare, giusto in tempo per salvare Alia, che ha tentato di uscire dal giro di Mauro, facendolo infuriare. Mentre Saverio e Mauro litigano, la ragazza si impadronisce della pistola caduta al malavitoso e spara.
Do. 4 mag. (h 15)

L’amore ritrovato
R.: C. Mazzacurati. Sc.: Claudio Piersanti, Doriana Leondeff, C. Mazzacurati. Int.:Stefano Accorsi, Maya Sansa, Marco Messeri, Luisanna Pandolci, Vania Rotondi, Giacomo La Rosa. Francia/Italia, 2004, col., 105’.
La storia d’amore tra Mario e Giovanna: lui è sposato e lavora in banca, lei è una ragazza di umili origini che lavora come manicure a Livorno ed è nota per essere una ragazza “facile”. S’incontrano per la prima volta in treno negli anni che precedono la Seconda Guerra Mondiale e da quel momento ha inizio una tormentata relazione che, tra abbandoni e riavvicinamenti, andrà avanti fino al 1945.
Do. 4 mag. (h 17)

L’estate di Davide
R.: C. Mazzacurati . Sc.:Claudio Piersanti, C. Mazzacurati. Int.: Stefano Campi, Patrizia Piccinini, Tony Bertorelli, Silvana De Santis, Serasudin Mujic, Alessandro Mizzi. Italia, 1998, col., 92’.
Davide, adolescente, vive a Torino con il fratello che, sposato e da poco padre, non naviga certo nell’oro. Superato l’esame di maturità, Davide si guadagna qualche soldo con lavori saltuari e investe i pochi risparmi in una vacanza in Polesine, dagli zii. Qui si innamora di Patrizia, una ragazza più grande di lui che conduce una doppia vita. Dopo questa esperienza, Davide ritornerà a Torino lasciandosi definitivamente alle spalle la propria adolescenza .
Gio. 24 apr. (h 19)/Do. 27 apr. (h 17)

La giusta distanza
R.:C. Mazzacurati. Sc.:Doriana Leondeff, C. Mazzacurati, Marco Pettenello, Claudio Piersanti. Int.:Giovanni Capovilla, Ahmed Hafiene, Valentina Lodovini, Roberto Abbiati. Italia, 2007, col., 106’.
In un piccolo paese alle foci del Po ha luogo la controversa relazione tra Hassan, un meccanico tunisino, onesto lavoratore stimato e rispettato dai suoi compaesani, e Mara, una giovane supplente che ha accettato l’incarico di insegnante a tempo determinato mentre è in attesa di partire per un progetto di cooperazione in Brasile. Testimone degli avvenimenti che vedono protagonisti i due amanti è Giovanni, un giovane aspirante giornalista, amico di Hassan, costretto a fare i conti con i suoi sentimenti di amicizia e con il dovere di cronaca.
L’attrice protagonista Valentina Lodovini sarà presente in sala per un incontro con il pubblico.
Me. 23 apr. (h 21)

La lingua del santo
R.:C. Mazzacurati. Sc.:Franco Bernini, Marco Pettenello, C. Mazzacurati, Umberto Contarello. Int.:Antonio Albanese, Fabrizio Bentivoglio, Isabella Ferrari, Toni Bertorelli, Marco Paolini. Italia, 1999, col., 110’.
Antonio e Willy sono due amici quarantenni che frequentano il bar Antille di Padova, uno dei luoghi più economici e disgraziati della città. Antonio è un giocatore di rugby sulla via del tramonto, famoso per essere l’unico che gioca con la sigaretta in bocca. Willy faceva il rappresentante, poi, però, ha perso la serenità ed in breve tempo anche il lavoro e la moglie Patrizia. Un giorno però ai due sfortunati capita l’occasione della vita.
Ve. 25 apr. (h 15)/Me. 30 apr. (h 19)

Notte italiana
R.:C. Mazzacurati. Sc.:C. Mazzacurati, Franco Bernini. Int.: Marco Messeri, Giulia Boschi, Remo Remotti, Tino Carraio, Silvana De Santis. Italia, 1986, col., 93’.
Otello Morsiani, avvocato di Padova, viene incaricato dal suo vecchio amico Checco di effettuare la valutazione di un latifondo nel Polesine, destinato a diventare un parco naturale. Venti anni prima nella zona si estraeva metano. Otello ha modo di conoscere varie persone: l’anziano Italo, padre di Daria, una giovane ragazza madre, la simpatica padrona della locanda, un geometra del luogo e, soprattutto, Tornova, che con i suoi numerosi allevamenti di polli dà lavoro a tutti i residenti. Curioso per natura, l’avvocato scopre poco a poco tanti piccoli segreti e molte complicità, mentre si innamora ricambiato di Daria. Però scopre anche fatti e misteri più gravi.
Il regista Carlo Mazzacurati, per la proiezione del 4 maggio, sarà presente in sala per un incontro con il pubblico
Do. 27 apr. (h 15)/Do. 4 mag. (h 21.30)

Il prete bello
R.:C. Mazzacurati. Sc.:Franco Bernini, C. Mazzacurati, Enzo Monteleone, liberamente tratta dal romanzo omonimo di Goffredo Parise.. Int.:Roberto Citran, Massimo Santelia, David Torsello, Adriana Asti, Jessica Forde, Marco Messeri. Italia, 1989, col., 92’.
1939 Vicenza, Sergio e l’amico Cena vivono in sana allegria. Quando nel palazzo arriva la bella Fedora - una prostituta capitata in città da Venezia - i due ragazzi ne restano affascinati e Cena ha un rapporto d’amore lei. Lo scandalo scoppia, Fedora torna in laguna. Una sera Cena e Sergio vanno a rubare in un negozio. Cena uccide a coltellate un metronotte che li sorprende e viene condannato a vari anni di carcere. Con l’aiuto di Sergio riesce a evadere, ma poi viene ucciso. Sergio arriva sul posto quando l’amico è ormai morto.
Con il biglietto della proiezione di mercoledì 23 aprile si potrà assistere anche alla proiezione successiva delle ore 21 (La giusta distanza)
Me. 23 apr. (h 19)/Sa. 26 apr. (h 15)

Il toro
R.:C. Mazzacurati. Sc.:Umberto Contarello, Stefano Rulli, Sandro Petraglia, C. Mazzacurati. Int.:Diego Abatantuono. Roberto Citran, Marco Messeri, Marco Paolini, Ugo Conti. Italia, 1994, col., 108’.
Licenziato dopo nove anni di lavoro, Franco, non riuscendo a ottenere la liquidazione, si introduce di notte nell’azienda e decide di risarcirsi con Corinto, un toro da riproduzione. Con l’amico Loris, decide di andare a vendere il toro in Ungheria. Caricata l’enorme bestia sul camion, devono superare problemi al confine croato; quindi il camion che si rompe, con sosta in una fattoria. Si mette a nevicare e al toro viene la febbre. Franco viene accompagnato da un tizio presso una cooperativa che ospita i due e offre loro l’acquisto del toro in cambio di trecento vitelli, con i quali tornano in patria. Leone d’Argento alla Mostra del Cinema di Venezia.
Do. 27 apr. (h 21.30)/Ve. 2 mag. (h 19)

Vesna va veloce
R.: C. Mazzacurati . Sc.:Umberto Contarello, C. Mazzacurati, Sandro Petraglia, Claudio Piersanti, Stefano Rulli. Int.:Tereza Zajickova, Antonio Albanese, Stefano Accorsi, Roberto Citran, Marco Messeri. Italia, 1996, col., 92’.
Arrivata a Trieste con un pullman di connazionali, la giovane Vesna rimane volutamente in Italia privandosi della presenza della compaesana Marina in procinto di ripartire con il gruppo del suo Paese. Senza denaro, accetta l’ospitalità di un assicuratore e pensa di prostituirsi. Così entra in un giro di ragazze dell’Est. Una sera la abborda Antonio, un muratore interessato a lei. Quando Vesna viene accoltellata da un suo protettore, Antonio le salva la vita, ma pensando che comunque la ragazza tornerà al precedente “lavoro” comincia a trattarla male. Lei cerca di conquistare la sua fiducia.
Gio. 1 mag. (h 21.30)/Sa. 3 mag. (h 17)

Documentari in ordine alfabetico

Ritratti: Andrea Zanzotto
R.:C. Mazzacurati. Italia, 2000, b/n, 50’.
L’incontro di Marco Paolini con Andrea Zanzotto, uno dei massimi poeti del Novecento, si sviluppa entro tre nuclei fondamentali di ricerca: la natura, la storia, la lingua. La natura, intesa come pensiero al quale rivolgersi in un continuo scambio e come improvvisa mutazione e offesa. La storia, nel ripercorrere i segni fondamentali di quello che è stato detto il secolo dell’ottimismo, che ha visto crescere la fede nella scienza ma anche il collasso di qualsiasi forma di razionalità. La lingua come scoperta di un viaggio accidentato: segno di un lessico familiare ma anche di un andare mendicando altri linguaggi, alla ricerca delle stratificazioni che li hanno intessuti.
Me. 23 apr. (h 17)/Ve. 25 apr. (h 17)/Gio. 1 mag. (h 17)

Ritratti: Luigi Meneghello
R. e sc.:C. Mazzacurati. Italia, 2002, b/n, 62’.
L’intensa conversazione tra Luigi Meneghello e Marco Paolini. Un dialogo ricco di umanità e ironia, che tocca la storia del nostro paese, gli avvenimenti che hanno cambiato l’Italia, la sua lingua, la sua memoria. Meneghello ricorda l’infanzia a Malo e la giovinezza, il fascismo, la resistenza nelle colline vicentine, l’8 settembre e il senso di “spaesamento”. Riflessioni che si intrecciano al valore del presente, alla ricerca di una comprensione profonda delle cose.
Gio. 24 apr. (h 17)/Me. 30 apr. (h 17)/Ve. 2 mag. (h 17)

Ritratti: Mario Rigoni Stern
R.:Carlo Mazzacurati. Italia, 1999, b/n, 55’.
Mario Rigoni Stern narra a Marco Paolini la sua vita. La prima giornata è totalmente dedicata al racconto della giovinezza, tra il ’38 e il ’45, come soldato nella seconda guerra mondiale. La seconda giornata è dedicata al tempo del ritorno e al difficile reinserimento nella vita normale. Si parla anche dell’altopiano di Asiago come luogo emblematico di cui Rigoni Stern è voce e coscienza. Nella terza giornata rispondendo alle domande di Paolini, il grande scrittore riflette sul presente, parla di natura, memoria e responsabilità.
Me. 23 apr. (h 18)/Ve. 25 apr. (h 18)/Gio. 1 mag. (h 18)


INGRESSO: Biglietto 3/5 euro + cinetessera
I tre documentari Ritratti: Andrea Zanzotto, Ritratti: Luigi Meneghello, Ritratti: Mario Rigoni Stern sono stati inseriti nella sezione Off Oberdan, con proiezione a ingresso libero con Cinetessera.

Info per il pubblico: biglietteria Spazio Oberdan, tel. 02.7740.6300

Condividi questa pagina