Campagna e città nell'horror americano anni Settanta

"Un punto interessante da notare è che la maggior parte di questi film compaiono negli anni Settanta, anni in cui l’urbanizzazione avanza a ritmo spedito. Un dato che mi ha colpito è la crescita enorme e senza freni di Austin, dove è stato girato Non Aprite Quella Porta. La città ha rotto i bordi e si è espansa nella circostante campagna, raddoppiando di dimensioni nel giro di vent’anni. La casa di Leatherface dove è stato girato il film è stata smontata e ricostruita, tale e quale, qualche miglio più in là e vi hanno aperto un ristorante. La zona in cui si trovava la stazione di benzina ora è in piena città. Questa crescita urbanistica chiaramente non è avvenuta solo nelle grandi città del Texas. E’ un processo che è avvenuto in tutti gli States, ma potremmo dire che è avvenuto anche nel resto del mondo, in seguito soprattutto al boom economico degli anni Cinquanta e Sessanta." (Brano tratto dalla tesi di Marco Magni)

Non aprite quelle porte - Il cinema horror rurale americano degli anni settanta

Condividi questa pagina