Gioco, gara e competizione nel cinema di fantascienza

"La competizione è una componente della narrazione perché ogni racconto si fonda su uno scontro, di solito fra protagonista e antagonista, e sul tentativo del protagonista di superare gli ostacoli per raggiungere l’obiettivo finale.
Se questa costruzione si trova già nella favola, è il cinema mainstream hollywoodiano a utilizzarla in quasi tutti i generi, perché l’agon è funzionale alla narrazione. Nella fantascienza contemporanea la contaminazione con avventura, azione e western ha portato in evidenza la parte socializzante dell’elemento competitivo intesa come gara e sport, come scontro fra due personaggi, due squadre o un giocatore contro tutti.
Di fondo è comunque sempre presente l’idea che il protagonista debba affrontare prima di tutto se stesso, le proprie paure e gli ostacoli che la vita – o meglio la sceneggiatura – pone di fronte a lui.
Al concetto di competizione spesso il genere fantascientifico associa due fenomeni: l’intrattenimento di un pubblico interno al film che impersona l’istanza del ricevente presente nella sala cinematografica; e la contaminazione fra gli sport contemporanei."

Dal Fantascientifico al Technoludico: il concetto di gioco nel cinema di fantascienza (1973 - 2005)

Condividi questa pagina