Cinema messicano

Giornate del cinema muto di Pordenone

Investire in cultura non solo si può ma può produrre risultati straordinari.
È il messaggio lanciato dalle Giornate del Cinema Muto alla luce degli sviluppi seguiti all'accordo concluso lo scorso febbraio con l'IRCA SPA di San Vendemiano (Treviso), del gruppo Zoppas Industries.
L'azienda, nata in Veneto quasi novant'anni fa e che oggi conta undici stabilimenti in otto Paesi, ha scelto di sostenere il festival legando il proprio nome all'ampia retrospettiva sul cinema messicano che lo studioso Aurelio De Los Reyes sta curando per la 32a edizione delle Giornate (5-12 ottobre 2013). Ha infatti destinato ventimila euro alle operazioni di restauro necessarie per presentare a Pordenone i film provenienti dalla Filmoteca de la UNAM - Universidad Nacional Autónoma de México.

L'impegno dell'IRCA ha anche avuto l'importante effetto di innescare una reazione a catena: l'investimento di un'azienda italiana, abbinato all'interesse di una manifestazione culturale come le Giornate, ha infatti indotto il Governo messicano a stanziare una somma dieci volte superiore - duecentomila euro - come contributo alla stessa Filmoteca de la UNAM per il recupero del patrimonio cinematografico muto nazionale. Un patrimonio che ha un significato e un valore enorme per la cultura messicana: sono moltissimi i documentari dell'epoca che ripercorrono la storia del Paese e che testimoniano in particolare gli anni della rivoluzione - la più importante del ventesimo secolo dopo quella sovietica -, che coincise con una fase di grande sviluppo e diffusione del nuovo mezzo cinematografico.

Ciò nonostante, nelle cineteche messicane i film versano in condizioni preoccupanti, come aveva constatato il presidente delle Giornate Livio Jacob nel corso di una visita effettuata nell'aprile 2011. Salvare quel patrimonio comporta una spesa notevole, che il governo messicano si è deciso ad affrontare grazie proprio alla retrospettiva pordenonese.

Il programma includerà documentari sulla rivoluzione e i suoi protagonisti Emiliano Zapata e Francisco (Pancho) Villa; alcuni film a soggetto interpretati da star messicane approdate a Hollywood come Dolores Del Rio, Lupe Velez e Ramón Novarro; un omaggio a Ejzenstejn in Messico, con titoli quali ¡Que Viva México! e Thunder Over Mexico (Lampi sul Messico). La possibilità di poter vedere sullo schermo del Teatro Verdi, riuniti e in perfette condizioni, tanti preziosi materiali richiamerà a Pordenone da tutto il mondo storici, studiosi e appassionati di cinema - e non solo.

Condividi questa pagina