Le attrici più belle. Scarlett Johansson

La bionda sexy di Hollywood

Newyorchese di nascita, la giovane Scarlett non resta a a lungo distante dal palcoscenico e si mette in gioco a ripetizione per ottenere parti negli spot televisivi e negli spettacoli teatrali.
Il primo ruolo che la fa notare a pubblico e critica è quello in L'uomo che sussurrava ai cavalli di Robert Redford, che le vale un premio e altre nomination agli Young Artist Awards e agli Indipendent Spirit.
Poi ha modo di lavorare in ruoli secondari con i fratelli Coen e con Terry Zwigoff, oltre che alla produzione di MTV The perfect score, fino alla consacrazione improvvisa nel 2003, con la kombo La ragazza con l'orecchino di perla e Lost in Translation.
Nomination a fioccare e il suo volto candido unito a un corpo da maggiorata anni '40 la elevano a sex symbol del momento, subito notata e utilizzata con successo da Woody Allen, ma non prima di aver preso parte al cast del malinconico e intelligente Una canzone per Bobby Long, a supporto di una delle tante reincarnazioni di John Travolta.
Il regista di Manhattan la vuole assolutamente nell'eccezionale tragedia sentimentale Matchpoint nel 2005 e l'anno dopo la riutilizza come giornalista impacciata nel brillante Scoop.
Nel frattempo partecipa al costoso The Island di Michael Bay, ambientato in un futuro distopico.
Continua la sua cavalcata nel cinema delle grandi firme con De Palma e Nolan, che la scritturano, rispettivamente, per The Black Dahlia e The Prestige, che non riscuotono, in realtà, il successo auspicato. Così come la terza collaborazione con Allen, Vicky Cristina Barcelona, è fiacca e non all'altezza del regista.
E così l'attrice negli ultimi anni ha preso una tangente più commerciale, a partire da The Spirit, l'esordio di Frank Miller alla regia, passando per La verità è che non gli piaci abbastanza, dove interpreta la classica bionda amante e stupida.
Iron Man 2 e The Avengers confermano la strada del blockbuster; non un bellissimo segno. Ma è in arrivo il biopic Hitchcock, che dovrebbe rimetterla su binari più consoni alla sua carriera.



Scarlett Johansson in La gatta sul tetto che scotta a Broadway

di Marco Rovaris [Visita la sua tesi »] [Leggi i suoi articoli »]

Condividi questa pagina