L’altro Cinema a Lucca

IV edizione del festival lucchese dal 10 al 18 ottobre

Il Lucca Film Festival sta diventando grande. E’ al quarto anno e i ragazzi del “Vi(s)tanova”, l’associazione culturale artefice della kermesse, si sono saputi ritagliare uno spazio peculiare e esistente nel panorama dei festival internazionali. Quest’anno, l’edizione 2008 del festival, intercetta un percorso cinematografico estetico, storico e indipendente che dal 10 al 18 ottobre animerà la splendida cornice del Teatro San Girolamo di Lucca.

La rassegna è patrocinata e sponsorizzata dalla Provincia e dal Comune di Lucca, dalla Fondazione Banca del Monte di Lucca, dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca e dalla Banca Toscana.

L’altro cinema, dunque. Il cinema che non si vede ma che ha fatto grande il cinema. L’omaggio a Jonas Mekas, che sarà presente al festival con una mostra alla Fondazione Ragghianti e con 15 ore di film, ne è un esempio. Il poeta, critico e film-maker lituano, che con il proprio lavoro ed impegno, ha saputo legittimare l’intero pensiero underground, diventandone una delle figure più rappresentative. Il Festival presenterà dai primi stupendi film in 16mm fino ai video più recenti, proponendosi allo stesso tempo di realizzare qualcosa di molto speciale per Lucca, che finora non si è visto in altri festival. Oltre a questo verrà realizzata una esposizione molto ambiziosa che cercherà di perfezionare il focus su questo artista lituano-americano ormai leggenda, che sarà presente nei primi giorni del festival a Lucca.

L’anticonformismo e la ribellione vengono espresse nell’omaggio che i “Vistanova” dedicano al poeta, scrittore, attore e regista francese Pierre Clémenti. Si vedrà un Clémenti regista mai visto. Il festival mostrerà film in anteprima assoluta, che prevede la partecipazione di vecchi amici di Pierre come Marc’o, Jean-Pierre Kalfon e Franco Brocani. Tutto questo grazie all’appoggio, il sostegno e l’amicizia del figlio Balthazar Clémenti, che ci onorerà della sua presenza a Lucca.

Il focus sul nuovo cinema inglese verrà rappresentato da Shane Meadows, il regista classe 1972 che ad appena 25 anni scrive e dirige “Ventiquattrosette” (1997), presentato a Venezia dove ha vinto il premio Fipresci. Le tre opere successive “A room for Romeo Brass“ (1999) “C’era una volta in Inghilterra” (2002) e “Dead Man’s Shoes” (2004) dimostrano nuovamente la capacità di Meadows di raccontare la provincia inglese e le sue contraddizioni. Nel 2006 il suo nuovo “This is England”, film di forte impatto emotivo sull’ambiente Skinheads degli anni ’80, lo lancia sulla scena internazionale.
In programma un’ampia retrospettiva su questo autore pluripremiato in tutto il mondo ma ancora sconosciuto al pubblico italiano.

Il quarto cineasta omaggiato viene da lontano. Dall’oriente e si chiama Kiyoshi Kurosawa, il talentuoso e poliedrico regista che nasce a Kobe nel 1955 ed esordisce nei primi anni ’80 nel genere pinku-eiga. Tuttavia nel corso degli anni sviluppò una personale poetica che lo vedrà affermarsi nei più vari generi cinematografici, dalla commedia al poliziesco, dallo yakuza all’horror. I tre film che il festival propone (CureCharismaKairo), rappresentano una summa significativa di questa poetica, che oltre ad aver portato alla ribalta internazionale il regista, ne hanno messo a nudo fragilità umane e punti di forza, rivelando la sua capacità di parlare con un linguaggio criptico e stimolante, lontano da ipocrisie.

La sezione “Machinima” è una selezione di cortometraggi che riguarda quel filone di cinema di animazione che utilizza e riprende in tempo reale giochi interattivi con un motore grafico 3D. In programma anche una conferenza-incontro assieme ai migliori esperti ed artisti del settore.

L’avanguardia francese sarà rappresentata da Christian Lebrat. Non è solo il film-maker sperimentale francese forse più importante, ma anche e soprattutto un autentico ed instancabile ricercatore nella sfera più ampia delle arti visive. Da molti anni inoltre porta avanti la sua lotta per l’esistenza del cinema d’avanguardia realizzando rassegne, scrivendo importanti testi critici e ancor più costituendo ed animando le grandi edizioni parigine Paris Experimental. A Lucca sarà realizzata un’esposizione dei suoi lavori fotografici e video, accompagnata da due performance in doppia proiezione 16mm. Nell’occasione mostreremo anche alcuni dei suoi film sperimentali in pellicola.

Non poteva mancare l’omaggio a Puccini, in occasione del 150° anniversario della nascita del grande musicista. Sarà proiettato un lavoro commissionato dagli organizzatori ad alcuni dei filmmaker che hanno partecipato alle precedenti edizioni del festival, o che parteciperanno alla prossima, di realizzare per noi un video che abbia per tema un'opera di Puccini, o che si ispiri ad essa . Verranno presentate la opere in anteprima di: Tsai Ming Liang, Jonas Mekas, Michael Snow, Tonino De Bernardi e molti altri.

Infine, nel pacchetto della quarta edizione del Lucca Film Festival, è presente anche l’ormai riconosciuto Concorso di cortometraggi (oltre 800 i lavori pervenuti da tutto il mondo).

Per informazioni: www.vistanova.it
Tel (0039) 0583 390 597
Fax (0039) 0583 583 204
Mobile (0039) 329 332 1172
web: www.myspace.com/luccafilmfestival
e-mail: [email protected]

Condividi questa pagina