Esistenza degli angeli e dialogo con i morti. Hereafter

La vita e la morte nei film di Clint Eastwood

Il rapporto quasi morboso di Clint Eastwood con la morte è uno degli aspetti più evidenti dei suoi ultimi film.
Tante domande senza risposta e una serie di manovre del vecchio cowboy per aggirarla, interrogarsi su di essa da vari punti di vista.
Pellicole che trattano la morte accarezzando il filo sottile tra ciò che è lecito e non, legale e non, etico e non, e così via. Eutanasia, vendetta, pentimento, amicizia, punizione, preveggenza e medium. Ci ha provato con tutto Eastwood.
Hereafter è probabilmente il suo film che si spinge più in là in assoluto, oltre il conoscibile e il razionale. E' un esperimento di speranza e purificazione.
Spielberg è produttore esecutivo, ma i due avevano già collaborato circa vent'anni prima in un episodio di..... Marco Rovaris racconta tutto nell'articolo che trovi seguendo il link qui sotto.

Clicca qui per leggere Hereafter. Qui, dopo. La vita dopo la morte di Marco Rovaris

Condividi questa pagina