Tagli. Il cinema di Dario Argento

Cinema Trevi (Roma) - Dal 3 al 10 ottobre

La retrospettiva della 44ª Mostra Internazionale del Nuovo Cinema di Pesaro, organizzata in collaborazione con la Cineteca Nazionale, ha consacrato definitivamente Dario Argento fra i grandi autori del cinema italiano.
Un omaggio tardivo, dopo decenni di recensioni irridenti da parte della critica paludata, a fronte del crescente interesse all’estero e dell’incondizionato appoggio dei giovani cinefili. La retrospettiva, che viene ora riproposta al Cinema Trevi, offre l’occasione per riflettere sulle traiettorie del tutto personali del regista romano, capostipite del thriller all’italiana e adesso, per paradosso, eclissatisi i suoi imitatori, unico superstite del cinema di genere ancora attivo ad alti livelli. Ormai proiettato verso il cinema americano, a cercare sponde affettive smarrite in Italia con la morte di Bava, Freda e Fulci, gli unici registi con i quali condivideva una (ir)reale vocazione fantastica. Del tutto fuori luogo nel nostro Paese: di qui le incomprensioni con la critica e la necessità di cercare altre vie per reiterare all’infinito i propri macabri sogni.
Come ha scritto Giona A. Nazzaro nel volume curato da Vito Zagarrio Argento vivo. Il cinema di Dario Argento tra genere e autorialità, edito da Marsilio in occasione dell’omaggio di Pesaro, Argento, con Sergio Leone, è il fautore di un cinema celibe e orfano: «Il cinema argentiano, una volta orgogliosamente orfano, oggi si ritrova nella condizione sconcertante di un orfano diventato padre elettivamente ma privo di progenie».

venerdì 3

ore 17.00 - L’uccello dalle piume di cristallo
(1970)
Regia: Dario Argento; soggetto e sceneggiatura: D. Argento; fotografia: Vittorio Storaro; musica: Ennio Morricone; montaggio: Franco Fraticelli; interpreti: Tony Musante, Suzy Kendall, Enrico Maria Salerno, Eva Renzi, Umberto Raho, Mario Adorf; origine: Italia/Germania; produzione: Seda Spettacoli, C.C.C. Film GMBH; durata: 96’
Versione ristampata dalla Cineteca Nazionale per gentile concessione di Titanus Film

ore 19.00 - Il gatto a nove code
(1971)
Regia: Dario Argento; soggetto: D. Argento, Luigi Collo, Dardano Sacchetti; sceneggiatura: D. Argento; fotografia: Enrico Menczer; musica: Ennio Morricone; montaggio: Franco Fraticelli; interpreti: Karl Malden, James Franciscus, Catherine Spaak, Cinzia De Carolis, Pierpaolo Capponi, Aldo Reggiani; origine: Italia/Germania/Francia; produzione: Seda Spettacoli, Terra Filmkunst, Labrador Film; durata: 112’
Versione ristampata dalla Cineteca Nazionale per gentile concessione di Titanus Film

ore 21.00
Incontro con Dario Argento moderato da Giona A. Nazzaro
Nel corso dell’incontro saranno presentati i volumi: Tagli. Il cinema di Dario Argento, a cura di Domenico Monetti e Luca Pallanch, Centro Sperimentale di Cinematografia - Fondazione Pesaro Nuovo Cinema, 2008 e Dario Argento. Confessioni di un maestro dell’horror, di Fabio Maiello, Alacrán Edizioni, Milano, 2007.

a seguire
Le cinque giornate (1973)
Regia: Dario Argento; soggetto: Vincenzo Ungari, D. Argento, Luigi Cozzi; sceneggiatura: D. Argento, Nanni Balestrini; fotografia: Luigi Kuveiller; montaggio: Franco Fraticelli; musica: Giorgio Gaslini; interpreti: Adriano Celentano, Enzo Cerusico, Sergio Graziani, Marilù Tolo, Glauco Onorato, Carla Tatò; origine: Italia; produzione: Seda Spettacoli; durata: 122’
Ingresso gratuito

sabato 4

ore 17.00 - Suspiria
(1977)
Regia: Dario Argento; soggetto e sceneggiatura: D. Argento, Daria Nicolodi; fotografia: Luciano Tovoli; musica: Goblin; montaggio: Franco Fraticelli; interpreti e personaggi: Jessica Harper, Stefania Casini, Alida Valli, Joan Bennett, Flavio Bucci, Miguel Bosè; origine: Italia; produzione: Seda Spettacoli; durata: 100’

ore 19.00 - Inferno
(1980)
Regia: Dario Argento; soggetto e sceneggiatura: D. Argento; fotografia: Romano Albani; musica: Keith Emerson; montaggio: Franco Fraticelli; interpreti e personaggi: Leight McCloskey, Eleonora Giorgi, Gabriele Lavia, Irene Miracle, Sacha Pitoeff, Daria Nicolodi; origine: Italia; produzione: Seda Spettacoli; durata: 107’

ore 21.00 - Tenebre (1982)
Regia: Dario Argento; soggetto e sceneggiatura: D. Argento; fotografia: Luciano Tovoli; musica: Claudio Simonetti, Fabio Pignatelli, Massimo Morante; montaggio: Franco Fraticelli; interpreti: Anthony Franciosa, Daria Nicolodi, Giuliano Gemma, John Saxon, Carola Stagnaro, John Steiner; origine: Italia; produzione: Sigma Cinematografica; durata: 101’

domenica 5

ore 17.00 - Phenomena
(1985)
Regia: Dario Argento; soggetto: D. Argento; sceneggiatura: D. Argento, Franco Ferrini; fotografia: Romano Albani; musica: Claudio Simonetti, Bill Wyman & Terry Taylor, Goblin, Fabio Pignatelli, Simon Boswell; montaggio: Franco Fraticelli; interpreti: Jennifer Connelly, Donald Pleasence, Daria Nicolodi, Patrick Bauchau, Dalila Di Lazzaro, Fiore Argento; origine: Italia; produzione: D.A.C. Film; durata: 109’

ore 19.00 - Opera
(1987)
Regia: Dario Argento; soggetto: D. Argento; sceneggiatura: D. Argento, Franco Ferrini; fotografia: Ronnie Taylor; musica: Claudio Simonetti, Bill Wyman & Terry Taylor, Roger Eno, Brian Eno; montaggio: Franco Fraticelli; interpreti: Cristina Marsillach, Ian Charleston, Daria Nicolodi, Urbano Barberini, Coralina Castaldi Tassoni, Antonella Vitale; origine: Italia; produzione: ADC, Cecchi Gori Group, Tiger Cinematografica, in collaborazione con Rai; durata: 105’
Copia con sottotitoli in inglese gentilmente concessa da Opera Film

ore 21.00 - Profondo rosso
(1975)
Regia: Dario Argento; soggetto e sceneggiatura: D. Argento, Bernardino Zapponi; fotografia: Luigi Kuveiller; musica: Giorgio Gaslini, Goblin; montaggio: Franco Fraticelli; interpreti e personaggi: David Hemmings, Daria Nicolodi, Gabriele Lavia, Clara Calamai, Glauco Mauri, Eros Pagni; origine: Italia; produzione: Seda Spettacoli, Rizzoli Film; durata: 130’

martedì 7

ore 18.00 - Il gatto nero
(ep. di Due occhi diabolici, 1990)
Regia: Dario Argento; soggetto: tratto da un racconto di Edgar Allan Poe; sceneggiatura: D. Argento, Franco Ferrini; fotografia: Beppe Maccari; musica: Pino Donaggio; montaggio: Pasquale Buba; interpreti: Harvey Keitel (Rod Usher), Madeleine Potter (Annabel), John Amos (ispettore Legrand), Martin Balsman (Mr. Pym), Kim Hunter (Mrs. Pym), Sally Kirkland (Eleonora), Holter Ford Graham (Christian), Julie Benz (Betty), Lou Valenzi, Peggy Sanders, J.R. Mac Donald, Barbara Bryne, Lanene Charters, Tom Savini; origine: Italia; produzione: Gruppo Bema, ADC; durata: 40’

ore 19.00 - Trauma
(1993)
Regia: Dario Argento; soggetto: Franco Ferrini, Giovanni Romoli, D. Argento; sceneggiatura: D. Argento, T.E.D. Klein; fotografia: Raffaele Mertes; musica: Pino Donaggio; montaggio: Bennet Goldberg, D. Argento; interpreti: Christopher Rydell, Asia Argento, Piper Laurie, Frederic Forrest, Laura Johnson, James Russo; origine: Italia; produzione: ADC, Overseas Film Group; durata: 110’

ore 21.00 - La sindrome di Stendhal
(1996)
Regia: Dario Argento; soggetto: D. Argento, Franco Ferrini, ispirato al libro omonimo di Graziella Margherini; sceneggiatura: D. Argento; fotografia: Giuseppe Rotunno; musica: Ennio Morricone; montaggio: Angelo Nicolini; interpreti: Asia Argento, Thomas Kretschmann, Marco Leonardi, Luigi Diberti, Paolo Bonacelli, Julien Lambroschini; origine: Italia; produzione: Cine 2000, Medusa Film; durata: 119’

mercoledì 8

ore 17.00 - Il fantasma dell’opera
(1998)
Regia: Dario Argento; soggetto: dal romanzo omonimo di Gaston Leroux; sceneggiatura: D. Argento, Gérard Brach; fotografia: Ronnie Taylor; musica: Ennio Morricone; montaggio: Anna Napoli; interpreti: Julian Sands, Asia Argento, Andrea Di Stefano, Nadia Rinaldi, Coralina Cataldi Tassoni, István Bubik; origine: Italia; produzione: Cine 2000, Medusa Film, Reteitalia, in collaborazione con Focus Film, Tele+; durata: 106’

ore 19.00 - Nonhosonno (2001)
Regia: Dario Argento; soggetto: D. Argento, Franco Ferrini; sceneggiatura: D. Argento, Franco Ferrini, con la collaborazione di Carlo Lucarelli; fotografia: Ronnie Taylor; musica: Goblin; montaggio: Anna Napoli; interpreti: Max Von Sydow, Stefano Dionisi, Chiara Caselli, Gabriele Lavia, Paolo Maria Scalondro, Roberto Zibetti; origine: Italia; produzione: Opera Film, Medusa Film, in collaborazione con Tele+; durata: 117’

ore 21.00 - Il cartaio (2004)
Regia: Dario Argento; soggetto e sceneggiatura: D. Argento, Franco Ferrini; fotografia: Benoit Debie; musica: Claudio Simonetti; montaggio: Walter Fasano; interpreti: Stefania Rocca, Liam Cunningham, Silvio Muccino, Adalberto Maria Merli, Claudio Santamaria, Fiore Argento; origine: Italia; produzione: Opera Film, Medusa Film; durata: 106’

giovedì 9

ore 17.00 -Suspiria
(replica)

ore 19.00 - Inferno
(replica)

ore 21.00 - La terza madre
(2007)
Regia: Dario Argento; soggetto: D. Argento; sceneggiatura: D. Argento, Jace Anderson, Adam Gierasch, Walter Fasano, Simona Simonetti; fotografia: Frederic Fasano; musica: Claudio Simonetti; montaggio: Walter Fasano; interpreti: Asia Argento, Cristian Solimeno, Adam James, Moran Antias, Valeria Cavalli, Philippe Leroy; origine: Italia; produzione: Opera Film, Medusa Film, in collaborazione con Sky, Myriad Pictures; durata: 95’
Per gentile concessione di Medusa Film - Ingresso gratuito

venerdì 10

ore 17.00 - L’uccello dalle piume di cristallo
(replica)

ore 18.45 - Profondo rosso
(replica)

Tutte le informazioni sono online al link: www.snc.it/context.jsp?ID_LINK=78&area=6

Approfondimenti

  • ''La Terza Madre'' di Dario Argento. Il cerchio si chiude

    Finalmente, La terza madre. Presentato in versione integrale al Festival del Cinema di Toronto, e poi al Festival di Roma, nella versione scorciata che circola dalla notte di Halloween nelle sale italiane, il nuovo lavoro di Dario Argento conclude, trent’anni dopo, la trilogia delle madri iniziata con Suspiria (1977) e proseguita con Inferno (1980). Fare un confronto diretto sarebbe semplice, ma altrettanto...»

  • All'origine stessa del Male: "Inferno" di Dario Argento

    ''What sphinx of cement and aluminium bashed open their skulls and ate up their brains and imagination?''. Allen Ginsberg, Howl

    Inferno (1980) è l'opera attraverso la quale Dario Argento porta a maturazione e compimento il discorso intrapreso con Suspiria. Questo rende il film qualcosa di molto diverso da un seguito: si compie infatti una disamina dell'origine stessa del Male, fulcro dell'intera...»

  • Principi di innovazione in "Suspiria" di Dario Argento

    Il dittico composto da Suspiria (1977) ed Inferno (1980) rappresenta la prima reale incursione di Dario Argento nel regno dell'Horror. Un'incursione pesante, convinta, di un'artista oramai completo. Nonostante evidenti accessi - viene in mente la teoria delle porte - sull'irrazionale presenti già nei precedenti film (Profondo Rosso, Sed non Solum), nonché un diffuso e progressivo disinteresse per il...»

Condividi questa pagina