''Storie di Cinema'' di Grosseto

I vincitori della XVII edizione

Il pubblico e gli studenti premiano “PA-RA-DA” di Marco Pontecorvo. La giuria dei corsi di cinema decreta vincitore “BILLO” di Laura Muscardin .
E nella giornata conclusiva oltre a Mario Monicelli è arrivata anceh l'attrice Laura Morante .

Si è chiusa domenica 30 novembre al cinema Stella di Grosseto la diciassettesima edizione di Storie di cinema, il festival dedicato alla sceneggiatura organizzato dal regista Francesco Falaschi e dall'associazione Nickelodeon.

Dopo tre giorni che hanno visto alternarsi sullo schermo una ventina di proiezioni, il momento dei premi ha incoronato due film.
A “Pa-Ra-Da” di Marco Pontecorvo sono andati due riconoscimenti, quello del pubblico consegnato dall’assessore del Comune di Grosseto, Simone Ferretti, e della giuria degli studenti.
Gli studenti hanno premiato “Pa-Ra-Da” per “l’alto contenuto sociale e l’aderenza alla realtà che non rinuncia alla suggestione cinematografica e perché l’opera si distingue per una struttura narrativa che lascia trasparire in tutta la loro crudezza le problematiche affrontate, senza tuttavia sconfinare nell’ovvietà e nella retorica, grazie anche ad una sapiente e altrettanto discreta conduzione degli attori non professionisti”.
Le targhe sono state ritirate dal direttore della fotografia Vincenzo Carpineta.

La giuria formata dagli allievi del corso di aiuto regia e della Scuola di Cinema – Laboratorio per Filmakers di Grosseto ha invece premiato come migliore sceneggiatura “Billo – Le Grand Dakhar” di Laura Muscardin “per la rappresentazione originale di problematiche interculturali descritta da immagini di forte suggestione sottolineate da un efficace commento musicale, la commedia stabilisce una immediata empatia con lo spettatore invitandolo ad una divertita riflessione sulle diversità, svelando con ironia i taciti accordi che istituiscono la normalità di questo e dell’altro mondo”. A ritirare il premio sono stati i due attori-produttori Marco Bonini e Paolo Gasparini.

Ma l’evento più atteso del festival è stato sicuramente l’incontro con Mario Monicelli che ha dichiarato quanto per lui sia importante il rapporto con la città di Grosseto dove ha detto di aver vissuto e dove tuttora di tanto in tanto gli piace restare in tranquillità in una sua proprietà vicino Manciano. Ma il maestro non è stata la sola gradita presenza del pomeriggio di domenica: a sorpresa, a salutare Monicelli, è arrivata l’attrice grossetana Laura Morante.

Storie di cinema è realizzato grazie al contributo di Provincia di Grosseto, Comune di Grosseto, Banca Monte dei Paschi di Siena – Filiale di Grosseto e con la collaborazione del Cinema Stella.

Condividi questa pagina