"Joseph Losey: senza re, senza patria"

Pordenone dal 23 al 24 gennaio

Il 23 e il 24 gennaio Pordenone ospiterà storici e critici di rilievo internazionale per un nuovo importante appuntamento cinematografico: il convegno internazionale di studi “Joseph Losey: senza re, senza patria”. Nella Sala Convegni della Camera di Commercio relatori italiani e stranieri si incontreranno per ripensare la figura del regista Joseph Losey e la sua modernità a cent’anni dalla nascita. Tra i nomi degli studiosi e giornalisti spiccano Pierre Rissient e Michel Ciment - due figure autorevoli della critica europea e testimoni d’eccellenza dell’arte cinematografica - affiancati, tra gli altri, da Goffredo Fofi, Masolino D’Amico, Lorenzo Cuccu, James Leahy e Colin Gardner.
Il convegno, curato da Luciano De Giusti e Giorgio Tinazzi, suggella l’11^ edizione de Lo Sguardo dei Maestri, storica retrospettiva organizzata dal Centro Espressioni Cinematografiche di Udine, da Cinemazero di Pordenone e dalla Cineteca del Friuli di Gemona.

Novità nella formula di quest’edizione è la tavola rotonda conclusiva, presieduta da Leonardo Quaresima, che si svolgerà nella mattinata di sabato 24 gennaio.
La serata di venerdì 23 gennaio vedrà inoltre una proiezione speciale: lo straordinario documentario, inedito in Italia, “JOSEPH LOSEY: THE MAN WITH FOUR NAMES” (1998, 83’) del regista giapponese Nakata Hideo, specializzato in horror e fine cinéphile (suo il leggendario The Ring).

Il convegno, raro esempio in Italia di incontro e di approfondimento sulla storia del cinema con uno spirito e un approccio non accademici, conclude la retrospettiva iniziata lo scorso autunno. L’importante meeting internazionale, al quale parteciperanno i maggiori studiosi dell’opera di Joseph Losey, cercherà di ripensarne il valore e la collocazione nella storia del cinema. Come per le precedenti edizioni la raccolta degli atti del convegno sarà pubblicata da Il Castoro (Milano).

A presiedere la mattinata di venerdì 23 gennaio sarà PIERRE RISSIENT, testimone di oltre cinquant’anni di cinema. Profondo conoscitore dell’arte cinematografica è stato aiuto regista di Jean-Luc Godard in “Fino all’ultimo respiro”, per poi diventare figura di riferimento per moltissimi registi - da Clint Eastwood a Werner Herzog passando per Tarantino - come anello di connessione di circuiti artistici. Per omaggiare il suo ruolo Todd McCarthy (Variety) ha realizzato nel 2007 un documentario, dal titolo "Pierre Rissient: Man of Cinema", presentato a Toronto e in altri Film Festival.
A succedergli, nel pomeriggio, sarà lo storico e critico francese specialista di cinema americano MICHEL CIMENT. Oltre a essere professore emerito all’università di Parigi VII, dirige la prestigiosa e storica rivista cinematografica «Positif», scrive come critico per le più importanti testate d’oltralpe e ha all’attivo pubblicazioni che hanno fatto il giro del mondo (ricordiamo, fra tutte, quella che è considerata la miglior opera analitica sull’opera di Stanley Kubrik).

Il convegno si prefigge di far luce sulla figura del regista esplorandone gli aspetti sia tematici che stilistici. Come di consueto avviene nei convegni de Lo Sguardo dei Maestri, il programma dei lavori mette a confronto studiosi italiani e stranieri, critici di lungo corso e giovani ricercatori, prospettive di analisi consolidate e sguardi innovativi.
Data la formazione teatrale del regista, si guarderà a quanto di essa è stato mantenuto nelle regie cinematografiche, analizzando il peso che su lui ha avuto il rapporto, anche di amicizia e collaborazione, con Bertold Brecht, nonché quello, altrettanto considerevole, con un alto grande drammaturgo, Harold Pinter, il premio Nobel da poco scomparso, che per lui ha sceneggiato tre film capitali (Il servo, L’incidente e Messaggero d’amore). A intervenire su questo tema sarà un grande conoscitore della drammaturgia anglofona nonché critico di lunga carriera: Masolino D’Amico.

La giornata di venerdì 23 prevede un’ampia panoramica sugli studi dedicati a Joseph Losey, dalle prime pubblicazioni pionieristiche alle recenti analisi, come quella di Denitza Bantcheva, critica e saggista con residenza in Francia, che concepisce lo stile loseyano in un percorso dal barocchismo al postmodernismo. Pordenone ospiterà lo storico del cinema James Leahy, amico di Harold Pinter e Nicholas Ray, che firmò una delle prime monografie loseyane in assoluto, affiancato ad esempio da Colin Gardner, professore statunitense autore dell’ultima importante pubblicazione dedicata al regista.
Tra gli ospiti italiani che interverranno spicca una delle figure di riferimento del panorama accademico nazionale: Lorenzo Cuccu, che approfondirà l’ultima opera realizzata nell’ambito del sodalizio artistico Losey-Pinter, Messaggero d’amore.

Il tema proposto alla discussione della tavola rotonda di sabato mattina si condensa in un interrogativo: “Joseph Losey, maestro inattuale?”. In quest’occasione Ciment e Rissient racconteranno la loro personale scoperta di Losey, per poi confrontasi con due importanti critici italiani: Goffredo Fofi e Angelo Moscariello.

Al convegno interverranno inoltre Federico Rossin, Maurizio Del Ministro, Rosamaria Salvatore, Anna Masecchia, Giorgio Cremonini, Dario Marchiori, Fabio Pezzetti Tonion, Roberto Calabretto e Denis Brotto.

Lo Sguardo dei Maestri, fiore all’occhiello tra le numerose e qualificate iniziative legate al cinema della Regione Friuli Venezia Giulia, è frutto del lavoro di ricerca congiunto di tre associazioni del territorio (il Centro Espressioni Cinematografiche di Udine, Cinemazero di Pordenone e La Cineteca del Friuli di Gemona) e gode del supporto della Regione e dei Comuni di Udine e Pordenone, del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e del contributo fondamentale della FONDAZIONE CRUP.
Il convegno - organizzato in collaborazione con l’Università degli Studi di Udine, l’Università degli Studi di Trieste e il Consorzio Universitario di Pordenone – prevede ancora una volta l’ospitalità per gli studenti accreditati.

Convegno internazionale di studi: “SENZA RE SENZA PATRIA: IL CINEMA DI JOSEPH LOSEY”
Pordenone, 23 e 24 gennaio 2009 - Sala Convegni Camera di Commercio; Università degli Studi di Udine, Università degli Studi di Trieste, Consorzio Universitario di Pordenone.

Organizzazione a cura di
Centro Espressioni Cinematografiche di Udine, Cinemazero di Pordenone, Cineteca del Friuli di Gemonacon il supporto di Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Regione Friuli Venezia Giulia, Comune di Udine, Comune di Pordenone, Fondazione Cassa di Risparmio di Udine e Pordenone


****************
CINEMAZERO
Piazza della Motta
33170 Pordenone – Italia
tel 0434.520404 – fax 0434.522603
email: [email protected]
sito: www.cinemazero.it

CENTRO ESPRESSIONI CINEMATOGRAFICHE
Via Villalta, 24
33100 Udine - Italia
tel 0432.299545 – fax 0432.229815
e-mail: [email protected]
sito: www.cecudine.org

Condividi questa pagina