Cinema e Psicoanalisi: l'estraneo e il famigliare

Spazio Oberdan, Milano

Dal 4 giugno al 2 luglio un nuovo ciclo di film allo Spazio Oberdan di Milano mette in scena il rapporto tra Cinema e Psicoanalisi.
Un binomio questo che accompagna l’esperienza cinematografica sin dalle sue origini, in quanto il cinema, proiettando le immagini della nostra stessa esistenza, è in grado di rappresentare le sfumature dell’esperienza dell’incontro con l’Estraneo e del riconoscimento del Famigliare.

Per amplificare lo sguardo su questa qualità intrinseca dei film, le proiezioni saranno seguite da altrettanti incontri con esperti che si propongono di esplorare ed interpretare questa tematica, mettendo in contatto lo spettatore con l’essenza straniante del cinema.

Quattro sono i film scelti per farci riflettere sulla capacità del Cinema di dialogare con la duplice condizione di estraneità e familiarità: si parte con il tema dell’amore materno come follia in Respiro, passando per le paranoie dell’età moderna con Niente da nascondere e Il terzo uomo, fino al tema dell’incontro con l’Altro in Il volto.

Ecco il calendario delle proiezioni:

Gio. 4 giu. (h 21)
Respiro
R. e sc.:Emanuele Crialese. Int.:Valeria Golino, Vincenzo Amato, Elio Germano, Francesco Casisa, Veronica D’Agostino. Italia/Francia, 2002, col., 95’.
A Lampedusa, Grazia, la giovane madre di un’adolescente e di due ragazzini, cerca una vita più libera e felice ma per questo viene considerata pazza dai suoi familiari, che cercheranno di farla internare in manicomio. In tutta la sua famiglia di poveri pescatori sarà compresa solo da Pasquale, il figlio tredicenne, soprannominato “Boccanera”. Gran premio alla Settimana della critica del festival di Cannes 2002.
Dopo la proiezione Giuseppe Pellizzari terrà una relazione dal titolo: Il materno come straniero: la follia?.

Gio. 18 giu. (h 21)
Il terzo uomo
R.:Carol Reed. Sc.:Graham Greene. Int.:Orson Welles, Joseph Cotten, Alida Valli, Trevor Howard. Gb/USA, 1949, b/n, 104’, v.o. sott. ital.
La storia si svolge nella Vienna dell’immediato dopoguerra, città segnata dal conflitto in cui si reca lo scrittore americano Holly su invito del suo vecchio amico Harry. Qui Holly viene a sapere che Harry è appena deceduto, ma le cose non sono chiare. Scoprirà che in realtà l’amico è vivo e ricercato come contrabbandiere di medicinali adulterati che seminano la morte.
Dopo la proiezione Anna Ferrata terrà una relazione dal titolo: Chi nascondiamo nel nostro sottosuolo oggi?.

Gio. 25 giu. (h 21)
Niente da nascondere
R. e sc.:Michael Haneke. Int.:Daniel Auteil, Juliette Binoche, Maurice Bénichou, Annie Girardot. Fr./Austria/Ger./Italia, 2005, col., 117’.
Georges, presentatore di un programma televisivo sui libri, comincia a ricevere degli strani pacchi. Qualcuno gli invia dei video su di lui e la sua famiglia ripresi di nascosto per strada,. A Georges sembrano messaggi inquietanti, ma non ha idea di chi possa essere il mittente. Allarmato, si rivolge alla polizia ma non viene preso sul serio. Progressivamente si inizia a delineare il profilo del colpevole: deve essere qualcuno cui Georges ha fatto una grossa ingiustizia al tempo dell’infanzia. Ma chi? Come fare a ricordare? E perché questa persona continua a riprendere spezzoni della sua vita?
Premio Fipresci e premio per la Miglior regia al 58. festival di Cannes (2005).
Dopo la proiezione Giuseppe Civitarese terrà una relazione dal titolo: Come faremo adesso senza i barbari? Colpa e paranoia in Niente da nascondere di Haneke.

Gio. 2 lug. (h 21)
Il volto
R. e sc.:Ingmar Bergman. Int.:Max von Sydow, Ingrid Thulin, Ake Ridell, Naima Wifstrand, Lars Ekborg.
Svezia, 1958, b/n, 100’.
Ambientata nell’800, la storia di una compagnia di giro guidata da una sorta di mago illusionista chiamata a esibirsi di fronte a un gruppo di notabili. Fra di loro un uomo di scienza deciso a smascherare i trucchi degli “artisti”. Lo scontro procederà senza esclusione di colpi.
Dopo la proiezione Francesco Barale terrà una relazione dal titolo: Il volto apparente dell’altro.

MODALITÀ D’INGRESSO
Cinetessera annuale: € 3,00, valida anche per le proiezioni all’Area Metropolis 2.0
Biglietto d’ingresso: € 5,00
Spettacoli delle h 15 e h 17 feriali e h 15 festivi: € 3,00
Biglietti in prevendita: € 6,00 (più diritti di prevendita)
Carnet valido per 8 spettacoli a scelta (esclusi gli spettacoli in prevendita): € 35,00
I tesserini delle Università sono validi come Cinetessera 2009

Per maggiori informazioni
www.cinetecamilano.it
Tel.: 02 77406300

Condividi questa pagina