Lo schermo dell’arte

Dialogo tra cinema e arte contemporanea

L’Associazione culturale Lo schermo dell’arte, nata a Firenze nel 2007, riunisce un insieme coerente di attività ed iniziative centrate sulla relazione e gli sconfinamenti del dialogo tra cinema e arte contemporanea.

Tra gli eventi organizzati prossimamente è possibile partecipare a Lo Schermo dell’Arte. Programma internazionale di film sulle arti contemporanee che si svolge all’interno della rassegna “50 giorni di cinema internazionale a Firenze”, organizzata da Mediateca Regionale Toscana Film Commission in collaborazione con Regione Toscana e Comune di Firenze dal 23 al 26 novembre 2009.

Il programma riunisce film che raccontano l’opera di alcuni dei maggiori protagonisti delle arti e delle discipline performative del nostro tempo, con l’intento di restituire la ricchezza delle esperienze che compongono il panorama della creazione contemporanea.

Quest’anno, Lo Schermo dell'Arte apre il proprio programma ai film realizzati da artisti che hanno scelto il cinema come mezzo d’espressione.
Saranno in programma due recenti opere del canadese Mark Lewis e del cileno Alfredo Jaar, che vanno così ad arricchire la tradizionale sezione di documentari dedicati ai maggiori protagonisti dell’arte del nostro tempo. Entrambi gli artisti saranno a Firenze a presentare i loro film e terranno due lectures aperte al pubblico.

Ecco alcune PROPOSTE DI VISIONE.

1 - Back Story di Mark Lewis (2009, 39’) racconta i segreti di Hollywood attraverso gli aneddoti e i ricordi degli Hansard, membri di una celebre famiglia di tecnici esperti nelle “rear projections” (retroproiezioni).
Mark Lewis (1958), che insegna alla Central Saint Martins College of Art di Londra, è oggi considerato uno degli artisti più importanti che lavorano con il cinema ed è il protagonista del Padiglione Canada della Biennale di Venezia 2009.
Il film viene presentato in collaborazione con il Museo Marini Marini di Firenze che nei giorni dello Schermo dell’Arte ospita una sua personale.

2 - Le ceneri di Pasolini di Alfredo Jaar (2009, 37’) è un omaggio a Pier Paolo Pasolini. Le parole del grande scrittore e regista italiano, tratte da alcune rare interviste, appaiono tragicamente profetiche sulla realtà contemporanea sociale e politica del nostro paese.
Il film dell’artista cileno, opera fortemente politica come del resto è tutto il suo lavoro, diventa così una lucida e spietata lettura dell’Italia consumata dalla società dello spettacolo. Jaar è autore di una delle mostre italiane più acclamate del 2008 tenutasi all'Hangar Bicocca e allo Spazio Oberdan di Milano. Il film è stato presentato in anteprima nel The Fear Society - Pabellón de la Urgencia all'Arsenale Novissimo, nell’ambito della Biennale veneziana 2009.

Tra i documentari, molte sono le anteprime italiane. Tra queste segnaliamo:
3 - The Great Contemporary Art Bubble (GB 2009). Il regista e critico d’arte Ben Lewis, conosciuto per la sua irriverente e ironica serie di film televisivi “Art Safari”, racconta cosa c’è dietro il mercato dell’arte contemporanea che ha visto un crescendo inarrestabile fino all’apice del settembre 2008 con la celebre asta Sotheby’s delle opere di Damien Hirst che raggiunsero un totale di vendite di oltre 111 milioni di sterline. Ma, a causa della crisi economica mondiale, oggi i prezzi sono calati quasi del 50%. Nel suo appassionante viaggio, Lewis visita case d’asta, fiere, gallerie e tanti collezionisti miliardari in giro per il mondo, scoprendo pratiche inusuali del mercato, speculazioni e segreti.

4 - Picasso & Braque Go to the Movie (USA 2008) è un film co-prodotto e narrato da Martin Scorsese, e indaga come il cinema abbia influenzato l’opera dei due maestri del Cubismo. Firmato da Arne Glimcher, curatore di una delle gallerie più famose del mondo, la Pace Wildenstein di New York, il film utilizza straordinari spezzoni di film dell’epoca del muto, brani tratti dal pioniere del cinema Georges Meliès o rari documenti sulla rivoluzionaria danza dei veli di Loie Fuller assemblati insieme alle interviste di personaggi celebri dell’arte contemporanea quali Julian Schnabel, Lucas Samaras, Chuck Close, Robert Rauschenberg che esprimono personali punti di vista sull’argomento.

Queste sono solo alcune delle anticipazioni di un ricco carnet, per visionare il programma completo:www.schermodellarte.org
Per informazioni: [email protected]

************

ESPLORA IL RAPPORTO TRA CINEMA E ARTE CON Tesionline!
"Cinema e pittura"
"Cinema e letteratura"
"Cinema e teatro"
"Cinema e architettura"
"Cinema come arte"

Condividi questa pagina