Io l’altro

Un’amicizia infranta simbolo dello ''scontro di civiltà''

Esce oggi nelle sale italiane Io, l’altro film indipendente ed opera prima di Mohsen Melliti, scrittore tunisino residente in Italia da 15 anni.

Questo film racconta la storia di un’amicizia di lunga data rovinata, di colpo, dal sospetto e dal pregiudizio. Giuseppe (Raul Bova) e Yousef (Giovanni Martorana) sono due pescatori, uno siciliano e l’altro tunisino, amici e colleghi di lavoro da dieci anni. Dopo aver lavorato come dipendenti per un piccolo boss locale i due decidono di acquistare un peschereccio e di mettersi in proprio.

Durante una battuta di pesca, nel silenzio e nella solitudine del mare aperto, irrompe la voce di una radio che riconosce, in un terrorista di nome Yousef rifugiatosi in Italia, uno dei possibili responsabili degli attentati alle stazioni di Madrid nel marzo 2004.

È sufficiente l’omonimia per far nascere il sospetto ed è sufficiente il sospetto per dar vita ad un confronto drammatico e violento tra i due uomini, facendo emergere pregiudizi culturali e religiosi sopiti nel profondo delle loro anime.

Così la barca, dapprima terreno di dialogo ed incontro diventa un simbolo del conflitto di civiltà che domina i nostri giorni e della paura del diverso e dello straniero.

Il film, per il quale Raul Bova, dopo aver lasciato Holliwood, ha rinunciato al proprio cachet, è stato co – prodotto dall’attore stesso (per la San Marco Film) e da Maurizio Santarelli (per la Trees Picture) ed è distribuito dalla 20th Century Fox.

Per ulteriori informazioni: www.iolaltro.it

Condividi questa pagina