Parlare di cinema a Castiglioncello

15-19 giugno

Fino al 19 giugno è aperta la sesta edizione di Parlare di cinema a Castiglioncello, la rassegna diretta da Paolo Mereghetti, nata con la prerogativa di offrire al pubblico la possibilità di colloquiare direttamente con chi il cinema lo fa in prima persona: una serie di incontri e proiezioni per comprendere lo stato dell'arte del nostro cinema.

La manifestazione è iniziata con la presentazione della mostra fotografica Viaggi in Italia. Set del cinema italiano 1941-1959, cinquanta scatti in bianco e nero per documentare come oltre a i se t di Cinecittà l'immediato dopoguerra abbia dato spaioi anche ad altre realtà italiane.

La tematica della “regionalità” viene ripresa e attualizzata anche nell'ambito dell'incontro “Tante facce (regionali) di questa nuova Italia”.
Ne discuteranno con Paolo Mereghetti alcuni registi che nell'arco di quest'anno hanno tentato di rileggere la propria storia partendo da una riflessione sulle mille facce del nostro Paese e da un ritorno alle proprie “radici”.
Intervengono: infatti Giuseppe Tornatore - che con Baarìa ha raccontato la storia di una famiglia siciliana attraverso tre generazioni dagli anni trenta agli anni ottanta - Sergio Rubini, ancora una volta ancorato alla Puglia con il suo racconto di L’uomo nero e, infine, Rocco Papaleo con la commedia picaresca Basilicata Coast to Coast.

Anche quest'anno un'attenzione particolare sarà rivolta agli esordienti le cui opere verranno presentate al pubblico di Castiglioncello che avrà poi l'occasione di dialogare con i registi.
Le opere prime presentate quest'anno sono: Dieci Inverni di Valerio Mieli, il racconto metropolitano intenso e di grande attualità Good Morning Aman di Claudio Noce e Cosmonauta di Susanna Nicchiarelli.

Nel programma, come di consueto, saranno previsti anche 3 seminari/colazioni rivolti a studenti ed appassionati: mercoledì 16 e giovedì 17 Antonello Catacchio, partendo dalla visione di due magnifiche interviste, racconterà la vita e la carriera di due figure molto amate dal pubblico: Johnny Depp e Clint Eastwood; mentre venerdì 18 la Mediateca Toscana parlerà di come è possibile “coltivare la cultura del cinema in tempi di siccità”.

Per conoscere il programma dettagliato: www.comune.rosignano.livorno.it

Condividi questa pagina