Visioni sonore: generazione punk e cinema

Allo Spazio Oberdan mercoledì 4, 11, 18 luglio 2007

VISIONI SONORE è la breve rassegna che Fondazione Cineteca Italiana e Tre Accordi Records propongono per mostrare come il cinema ha rappresentato la Generazione Punk, con tre appuntamenti per tre successivi mercoledì 4, 11, 18 luglio.
Degli anni Settanta si è molto parlato quest’anno in Italia per il trentennale del ’77, anno simbolo di un momento storico pieno di vitalità, contraddizioni e turbolenze. Ma i Settanta furono, a livello più internazionale, anche gli anni del Punk, movimento d’avanguardia di contestazione e furore, fenomeno non solo musicale ma anche sociale, artistico e di costume.
Se dal lato musicale si riscontrava un forte disincanto e rifiuto nei confronti della scena rock del momento, dal lato sociale il punk esprimeva la rabbia e la frustrazione giovanili nel vivere un presente angoscioso con la triste prospettiva della mancanza di un futuro. Da qui l’importanza di proporre il rock nella sua forma primordiale insieme alla ricerca di ritmi e suoni più viscerali coadiuvato da testi scarni ma essenziali e diretti: dei piccoli manifesti nichilisti.


Programma della rassegna:

Me. 4 lug. (h 21)

Punk in London
R.: Wolfang Büld. Artisti:The Clash, The Adverts, Chelsea, X-Ray Spex, The Jam, The Boomtown Rats, Subwaysect. RFT, 1977, col., 95’, v.o. sott. ital.
Una visione privilegiata della scena punk nella Londra anni ’70. Concerti mai visti, backstage e alcuni incredibili commenti dei principali protagonisti di un’era. Nei più celebri club sotterranei, i momenti culminanti di una rivoluzione che non sarebbe stata solo musicale. Per sentirne ancora la formidabile energia.

Punk in England (versione di 58’)
R.: Wolfang Büld. Artisti:The Clash, Spizz Energie, The Jam, Secret Affair, Specials, Selecter, Madness. RFT, 1980, col., v.o. sott. ital.
Il seguito di Punk in London racconta la nascita e la caduta del Punk nello Ska, nella New Wave e nello scenario Mod, con esibizioni ed esclusive interviste di The Pretenders, The Clash, Ian Dury, The Jam, Specials, Madness. Inoltre rock con The Slits, Siouxie & The Banshees e altri.

Me. 11 lug. (h 21.30)

End of the Century
R.: Jim Fields, Michael Gramaglia. Artisti: The Ramones, Joe Strummer, Deborah Harry, John Lydon, Iggy Pop, Rick Rubin. USA, 2003, col., 110’, v.o. sott. ital.
Nel 1974 la scena musicale di New York è stata scossa in profondità dal suono violentemente nuovo e crudo di una band di disadattati del Queens, chiamata The Ramones. Suonando in uno squallido bar del Bowery per un piccolo gruppo di persone e per dei musicisti rivali, la band colpisce le corde di quel rock fondato nella scena musicale della metà degli anni ’70. Questo quartetto di improbabili rockstar viaggia molto, attraversa i paesi e gira il mondo, creando un punto di contatto con tutti gli esclusi, mentre prende vita un movimento che raccoglie gli sbandati di due generazioni nel mondo. Sebbene la band non abbia mai raggiunto la cima delle classifiche, per 22 anni, durata della loro carriera, ha eseguito più di 2.200 concerti con una media di due alla settimana.

Me. 18 lug. (h 21.30)

Sex Pistols - Oscenità e furore
R.: Julien Temple. Int.:Johnny “Rotten” Lydon, Steve Jones, Paul Cook, Glen Matlock, Malcolm Mclaren, Nancy Spungen, Siouxe Sioux, Sid Vicious. GB, 2000, col., 108’.
Il regista Julien Temple torna a occuparsi dei Sex Pistols a distanza di venti anni da La grande truffa del Rock’n Roll , con un’opera che mette insieme inediti filmati d’epoca, materiali di repertorio e spezzoni di film. Il tutto arricchito dalle testimonianze più e meno recenti dei protagonisti, che rileggono la loro esperienza, fondamentale nella storia del punk, in prospettiva storica.


INGRESSO:
Biglietto 5 euro

Info per il pubblico: biglietteria Spazio Oberdan, tel. 02.7740.6300 - www.cinetecamilano.it

Condividi questa pagina