Russ Meyer

Spazio Oberdan (Milano) - Dal 2 al 11 agosto 2007

La Fondazione Cineteca Italiana dedica dal 2 all’11 agosto un omaggio a Russ Meyer attraverso cinque suoi titoli.
Ironico e provocatore, Meyer, spesso liquidato dalla critica come autore di film “pornosoft”, è stato invece un regista importante, capace di «sbeffeggiare il sogno americano con graffiante umorismo, mettendo in scena quella provincia sonnolenta e piccolo borghese dove tutti si danno da fare con tutti, mostrando desideri e pulsioni nascoste che tanto facevano rabbrividire le varie leghe per la salvezza della morale.»
Le sue donne, dai corpi prorompenti, le “vixens”, in confronto agli uomini con cui si trovano a interagire, rappresentano il maschio alfa, le vere figure dominanti.

«Provocatrici professioniste, sfacciate e aggressive, sono delle combattenti che prendono sempre l’iniziativa e agiscono con la sfrontatezza insolente di chi sa quello che vuole e come ottenerlo, qualunque sia l’oggetto del desiderio. (…) Femmine che hanno aperto la strada della ribellione a manciate di personaggi oggi osannati dei film di autori di punta, dalle eroine di Quentin Tarantino».
Ma poi non è tutto qui: l’interesse dei film di Russ Meyer risiede infatti in una sapienza di scrittura di valore assoluto, acquisita dal regista californiano (nato nel 1922, scomparso nel 2004) nel corso di una lunga carriera iniziata su vari fronti della Seconda guerra mondiale come regista di cinegiornali. La costruzione delle inquadrature, l’espressività della luce, la capacità di fondere immagini e musica (spesso l’amato jazz), l’essenzialità del montaggio di Meyer hanno spesso poco da invidiare a quelle dei registi più celebrati. Le citazioni sopra riportate sono tratte da Russ Meyer, di Furia Berti, Ed. Il Castoro, Milano 2006.

Sa. 4 ago. (h 19)
Beneath the Valley of the Ultravixens
R.: R. Meyer. Sc.: Roger Ebert, R. Meyer. Int.: Uschi Digard, Ann Marie, Stuart Lancaster, Michael Finn. USA, 1979, col., 93’, v.o. sott. ital.

Me. 8 ago. (h 21.30)/Sa. 11 ago. (h 15)
Faster, Pussycat! Kill! Kill!
R.: R. Meyer. Sc.: R. Meyer, Jack Moran. Int.: Tura Satana, Haji, Lori Williams, Sue Bernard. USA, 1966, col., 83’, v.o. sott. ital.

Ve. 3 ago. (h 19)/Sa. 11 ago. (h 19)
Lorna
R.: R. Meyer. Sc.: James Griffith, R. Meyer. Int.: Lorna Maitland, Hal Hopper, James Rucker, Mark Bradley. USA, 1964, b/n, 79’, v.o. sott. ital.

Gio. 2 ago. (h 21.30)/Gio. 9 ago. (h 19)
Motorpsycho!
R.: R. Meyer. Sc.:James Griffith, Hal Hopper, R. Meyer, W. E. Sprague. Int.: Arshalouis Aivazian, Steve Masters, Joseph Cellini, F. Rufus Owens. USA, 1965, col., 74’, v.o. sott. ital.

Ve. 10 ago. (h 21.30)
Supervixens
R. e sc.: R. Meyer. Int.: Christy Hartburg, Sharon Kelly, Stuart Lancaster, Charles Napier. USA, 1975, col., 105’, v.o. sott. ital.

INGRESSO: Biglietto 3/5 euro + cinetessera

Info per il pubblico: www.cinetecamilano.it - biglietteria Spazio Oberdan, tel. 02.7740.6300

Condividi questa pagina