Patrick Tam Day al Far East 2007

L'omaggio a Patrick Tam protagonista della quarta giornata

Maestro di Wong Kar-wai e padre storico di quella new wave che, all’inizio degli Ottanta, rivoluzionò il cinema hongkonghese con una robusta iniezione di realismo, un uso smaliziato dei generi, un atteggiamento formalista e sperimentale, uno spirito anticonformista e provocatorio, Patrick Tam è il protagonista assoluto della quarta giornata del FAR EAST FILM Festival di Udine.

Un vero e proprio PATRICK TAM DAY, si potrebbe dire, che culminerà nell’incontro pubblico delle 17 (moderato da Alberto Pezzotta, Law Kar e Tim Youngs) dopo la proiezione consecutiva di tre capolavori: Final Victory (alle 9.30), scritto dall’allievo Wong Kar-wai, il leggendario Nomad(alle 11.15), che lanciò Leslie Cheung ma venne massacrato dalla censura, e, dulcis in fundo, l’attesissimo After This Our Exile (alle 14.30), straordinario film-evento che ha interrotto un “silenzio” lungo 17 anni…
Per molto tempo, infatti, Tam ha preferito dedicarsi al montaggio di pellicole altrui (da Ashes of Time di Wong Kar-wai a Election di Johnnie To), e la corposa restrospettiva Dal cuore della new wave, uno degli eventi di questo Far East Film, si chiuderà proprio con l’opera che segnò l’inizio della pausa: il noir a forti tinte erotiche My Heart Is That Eternal Rose, in programma venerdì 27 (la copia che si vedrà a Udine è stata ristampata per l’occasione).


Il programma di lunedì 23 aprile

Teatro Nuovo

Ore 9.30: «Final Victory» di Patrick Tam
(Hong Kong, 1987)

Il goffo Hung riceve il compito di occuparsi delle due donne del fratello e boss Big Bo. Nel farlo, si innamorerà di una delle due. Chi vincerà? Scritto da Wong Kar-wai, un film di gangster genialmente sconvolto dai toni assurdi e neri della commedia di Hong Kong.

A seguire: «Nomad» di Patrick Tam
(Hong Kong, 1982)

Ritratto di disincantata leggerezza di una generazione senza ideali, dove il gusto formalista fa tutt’uno con l’ironia, è uno dei più bei film su cosa significasse avere vent’anni negli anni Ottanta…

Ore 14.30: «After This Our Exile» di Patrick Tam
(Hong Kong, 2006)

Il ritorno al cinema di Tam dopo diciassette anni. Girato in Malaysia, è il racconto di una perdita dell'innocenza, di una cicatrice che il tempo non rimargina, di un padre e di un figlio inestricabilmente legati e alla deriva.

Ore 17: «Dal cuore della new wave»
Incontro con il grandissimo Patrick Tam coordinato da Alberto Pezzotta, Law Kar e Tim Youngs.

Ore 20: «Sakuran» di Ninagawa Mika
(Giappone, 2007)

La vincente risposta nipponica all’hollywoodiano Memorie di una geisha presenta una coloratissima rievocazione del quartiere a luci rosse di Yoshiwara nel periodo Edo, con un approccio audace e innovativo al mondo delle oiran (le cortigiane di alta classe), viste come donne indipendenti e determinate.

Ore 22.15: «Righteous Ties» di Jang Jin
(Corea, 2006)

La storia degli ultimi gangster che credono ancora al codice d’onore della malavita mentre i loro capi non aspettano che di tradirli. Ritroviamo nel film le caratteristiche del regista coreano Jang Jin: il mix di film d’azione, commedia e melodramma, e il gusto di giocare con la forma cinema e le attese dello spettatore.

Ore 00.15: «Dynamite Warriors» di Chalerm Wongpim
(Thailandia, 2007)

Nel nord-est della Thailandia degli anni Venti un giovane vuole vendicare i genitori assassinati da un uomo misterioso quando era bambino. Un western esistenzialista alla John Ford, ma con i calci e pugni di Dan Chopong (Ong-Bak, Born To Fight).

«Far East Nights»
Le feste musicali del Far East Film colorano le notti di Udine! Dalle 23.30, al Visionario, electro rock & funky con Steve Nardini & the Hollywoods dj set.

Condividi questa pagina