Giancarlo Giannini - Il gioco dell’attore

Retrospettiva al Centro Sperimentale di Cinematografia

Il Centro Sperimentale di Cinematografia-Cineteca Nazionale ospiterà la retrospettiva Giancarlo Giannini - Il gioco dell’attore dall'8 al 13 dicembre, dedicata al grande interprete italiano.

Accanto ai titoli più conosciuti sarà possibile riscoprire film meno visti e il film di regia Ternosecco.
Martedì 8 dicembre, Adriano Pintaldi, Presidente del Roma Film Festival, ha presentatop il volume da lui curato Giancarlo Giannini - Il gioco dell’attore e un filmato da lui diretto, che ripercorre la carriera del grande attore, con brani inediti girati sul set del recente Ti ho cercata in tutti i necrologi, in cui Giannini è produttore, regista, attore.

Poliedrico, febbrile, amante dei travestimenti, Giannini inizia con il teatro a diciotto anni sotto la guida di Peppino Patroni Griffi, Franco Zeffirelli, Luchino Visconti per poi passare alla televisione con uno sceneggiato di grande successo come "David Copperfield" e al cinema con "Rita la zanzara" di Lina Wertmüller, regista con la quale stabilirà un lungo e felice sodalizio da cui nascono tra l’altro "Film d'amore e d'anarchia…", per il quale vince la Palma d'oro a Cannes come miglior attore protagonista, e "Pasqualino Settebellezze", che gli fa ottenere una candidatura al Premio Oscar come migliore attore protagonista.

Diretto da grandi registi italiani e internazionali quali Zurlini, Bolognini, Lizzani, Emmer, Montaldo, Scola, Ferrara, Avati, Del Toro, Fassbinder, Coppola, Kramer, Scott. Oltre a numerosi Nastri d'argento e David di Donatello ottenuti grazie al suo talento di attore, nel 1994 riceve un Nastro d'Argento come doppiatore per Carlito's Way di Brian De Palma, dove presta la voce ad Al Pacino. Con la sua voce hanno parlato anche Jack Nicholson, Michael Douglas, Gerard Depardieu, Dustin Hoffman.

Condividi questa pagina