Festival del documentario d’Abruzzo

Al via il 21 giugno

Il documentario è decisamente una delle espressioni cinematografiche meno conosciute e si può definire un genere di nicchia poco divulgato.

In controtendenza con questo pensiero comune, ideato ed organizzato dall’Associazione culturale ACMA (Associazione Cinematografica Multimediale Abruzzese) di Pescara, il Festival del documentario d’Abruzzo – Premio Internazionale Emilio Lopez si propone di educare il pubblico a questa forma di linguaggio cinematografico che rimane una delle maniere più vere per conoscere culture e dimensioni diverse.
Giunto quest’anno alla quarta edizione, il festival è uno dei pochi in Italia dedicato esclusivamente al genere documentaristico ed ha come scopo principale quello di favorire la conoscenza e la fruizione del cinemadocumentario sia italiano che internazionale e nel contempo fornire una ulteriore chiave di lettura in un panorama cinematografico eterogeneo e variegato in favore di stili, tecniche e linguaggi diversi che stimolino ed incoraggino altri lavori futuri.

Il Festival comprende cinque sezioni:

Sezione documentari sperimentali inediti internazionali: concorso SPERIMENTARIO. Lo sperimentalismo nel cinema, così come nell’arte, ricerca sempre nuove regole del gioco e contribuisce all'estensione delle possibilità sensoriali, linguistiche, e tecniche soprattutto nel genere documentario.

Sezione internazionale a tema: concorso VISTI DA VICINO. Vuole essere un’occasione in più per affrontare realtà internazionali nate dall’incrocio di esperienze e retaggi diversi, un progetto culturale in grado di aprire le porte alle contaminazioni e alla cooperazione. Inoltre offrire la possibilità ad autori e registi internazionali di misurarsi con questo tipo di cinema attraverso la realizzazione di opere capaci di cogliere quei momenti significativi della variegata vita sociale e culturale dei paesi del mondo,seguendo un tema che di anno in anno verrà assegnato.
Il tema dell’ edizione 2010 è: “Il MURO” ovvero la diversità come necessità della vita, come dato ineluttabile, come valore e ricchezza per lo scambio e la crescita umana, oltre il muro delle intolleranze di ogni tipo.

La sezione PANORAMA ITALIANO che offre al pubblico i documentari più interessanti della stagione, presentati dagli stessi autori.

Sezione abruzzese: ABRUZZO DOC concorso per documentari che si occupano di tematiche legate al territorio abruzzese e/o girati in Abruzzo e/o realizzati da registi nati o residenti nella regione.

Sezione monografica (fuori concorso): SGUARDO D’AUTORE dedicata alle opere di un noto regista italiano od europeo che fin dai suoi inizi si è occupato anche del cinema documentaristico e a cui verrà assegnato un premio alla carriera.
 
I riconoscimenti che vengono assegnati sono 2: il Premio Lopez e il Premio al Miglior documentario italiano d’autore.
Il Festival è dedicato alla memoria di Emilio Lopez, regista e montatore di numerosi documentari, tra i quali diversi dedicati all’Abruzzo.
www.abruzzodocfest.org

Condividi questa pagina