Marinetti e il cinema, tra attrazione e sperimentazione

Riassunto del libro "Marinetti e il cinema, tra attrazione e sperimentazione" di Strauven Wanda. Marinetti fondatore del futurismo è un propagatore di idee. Qualificato come inventore verbale non è solo un teorico poetico-letterario ma un teorico cinematografico. Di seguito viene fatta una cronologia dei maggiori manifesti marinettiani comparsi dal 1909 al 1916: per illustrare come il poeta arrivi progressivamente ad una comprensione del mezzo filmico.

Per scaricare questo appunto in PDF è necessario essere loggati, se non sei nostro utente registrati!

« Torna alla lista

 

Indice dei contenuti:

  1. Il Cinematografo, un'arte Futurista?
  2. Lettura cronologica dei Manifesti Marinettiani (1909/1916)
  3. La teatrocrazia Futurista
  4. Il Concetto di “Meraviglioso”
  5. I Manifesti della Cinematografia (1916-1938)
  6. Tra cinematografia futurista e cinematografia
  7. Atto Creativo - La "Fattografia" o la letteratura del Fatto
  8. Vita Futurista: un film fantasma
  9. Velocità: un altro film Fantasma

 

Vuoi approfondire gli argomenti di questo documento?

Dettagli dei contenuti:

  • Autore: Anna Carla Russo
  • Università: Università degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli
  • Facoltà: Scienze della Comunicazione
  • Esame: Storia Teoria e Analisi del Film
  • Titolo del libro: Marinetti e il cinema, tra attrazione e sperimentazione
  • Autore del libro: Strauven Wanda
  • Editore: Campanotto
  • Anno pubblicazione: 2006