24 hour party people (24 Hour Party People, 2002)

24

"Tony Wilson, reporter della Granada, fa parapendio sui Pennines, ripreso dalle telecamere della tv; si esalta, paragonandosi ad Icaro, e dichiara che il prosieguo del film offrirà materiale analogo.
Poi però smentisce quell’entusiasmo: è un giornalista serio e non vuole più prestarsi a buffonate simili. Lo vediamo quindi al primo showcase dei Sex Pistols a Manchester: è il 4 giugno 1976, e tra i 42 spettatori c’è la crema della scena musicale che verrà (Buzzcocks, Joy Division, Mick Hucknall…).
Negli studios della Granata, Tony espone al suo produttore Charles l’idea di lasciare spazio nello show “So it goes” alle band punk: il pubblico regionale scopre così quelli che sarebbero diventati gli eroi dell’epoca: Siouxie and the Banshee, Iggy Pop, Stranglers, Happy Mondays.
Stanco però di limitarsi alla tv, Tony contatta il gestore di un locale per farne un club dove il pubblico possa scoprire dal vivo la new wave. Raggiunto un accordo, Tony inizia a fare pubblicità all’iniziativa attraverso il suo show."

di Piervittorio Vitori [Visita la sua tesi »] [Leggi i suoi articoli »]

Le recensioni degli autori:

Vuoi scrivere una recensione e condividerla con gli altri utenti? Effettua il login come autore di Tesionline e potrai commentare ogni articolo che vuoi!

Tesi Correlate

  • Riflessione e anarchia nel cinema di Winterbottom

    "La musica certo non è mai stata un fattore accessorio o secondario, nel cinema di Winterbottom, ma non era mai stata posta sotto i riflettori ed al centro dello script come in questo caso. È abbastanza facile definire cosa non è 24 hour party people: non è un mockumentary alla Spinal tap, né una biografia musicale come, citando un esempio recente, Velvet Goldmine. Il film non può essere ridotto alla...»

Condividi questa pagina