A Mighty Wind (2003)

wind

"In A Mighty Wind (id., Christopher Guest, 2003), il regista/attore/scrittore racconta la storia di tre gruppi di musica folk, i “New Main Street Singers”, i “Folksmen” e i “Mitch and Mickey”, che decidono di realizzare insieme uno special televisivo dal vivo, come tributo alla memoria del loro primo manager, da poco scomparso.
Come i precedenti mock-documentary diretti da Guest, anche questo film combina interviste ai protagonisti, montaggi accurati di materiali d’archivio e sequenze in cui la macchina da presa pedina i soggetti.
Tutto questo materiale è inserito nella modalità tipica del genere documentario che sottolinea la convinzione di poter registrare oggettivamente la realtà, senza alcun tipo di intervento da parte dell’operatore: la modalità d’osservazione.
Anche in questo caso, l’effetto comico è assicurato e la parodia del mondo musicale garantita, sebbene il tono sia più affettuoso dei precedenti film di Guest."

di Federico Larosa [Visita la sua tesi »] [Leggi i suoi articoli »]

Le recensioni degli autori:

Vuoi scrivere una recensione e condividerla con gli altri utenti? Effettua il login come autore di Tesionline e potrai commentare ogni articolo che vuoi!

Tesi Correlate

  • Significato del mockumentary. Tra realtà e finzione

    "I mock-documentary giocano con la realtà, ma non solo. Ricreano e contemporaneamente disfano la forma del documentario e le sue pretese di verità, gli “oggetti” del film (l’argomento, la trama, i personaggi), il suo ordine sociale e morale. Sono uno strumento unico in grado di rivelare le certezze, così come le bugie, sulla storia, sull’identità e sulla verità che si trovano alla base del documentario...»

Condividi questa pagina