Lost in translation - L'amore tradotto (Lost in Translation, 2003)

lost

"La terza prova spinge Sofia Coppola a recarsi in Giappone, attratta da prospettive diverse rispetto alla pellicola precedente. La regista vuole girare un film più intimo, con pochi personaggi: quindi, lavora ad una sceneggiatura originale basata sul suo modo di vedere la vita.
Nasce così Lost in translation: una storia d'amicizia nuova e toccante, quasi un simbolo del vivere frenetico contemporaneo, una speranza che, sia pure in mezzo al caos e al rumore estraniante di una città come Tokyo, si possa scoprire un possibile incontro d'anime.
A Sofia Coppola piace molto il senso di straniamento che la città sa regalare al visitatore occidentale: un luogo senza nomi di strade, piena di luci al neon, un caos assordante che avvolge e stordisce; il tutto, a tratti reso immobile dai panorami ripresi dal Park Hyatt, il lussuoso hotel che domina la città dall'alto come fosse «una silenziosa isola galleggiante».
La storia è quella di due americani, il maturo Bob e la giovane Charlotte, che si incontrano e fanno amicizia nel lussuoso albergo di Tokyo. Star del cinema in declino, Bob è arrivato in Giappone per girare uno spot pubblicitario di una marca di whisky: il lavoro non lo entusiasma ma il compenso di due milioni di dollari sembra gli faccia passare ogni dubbio. Charlotte, invece, è una giovane donna che accompagna il marito John, fotografo in ascesa, il quale non rinuncia mai ad un incarico e, così facendo, trascura un la giovane moglie lasciandola tutto il giorno da sola.
Prima scena: Charlotte, di spalle, è sdraiata sul letto di una stanza d'albergo e indossa uno slip rosa. La prima inquadratura del film è un evidente omaggio al pittore foto-realista John Kacere (1920-1999), che usava il pennello per rendere l'intimo la seconda pelle della donna. È proprio così che la regista sceglie di aprire il film: un vago accenno di erotismo (scelta stilistica che trasparirà dagli atteggiamenti dei protagonisti per tutta la pellicola) in cui pelle e tessuto si mescolano per diventare simili a tal punto da poter essere scambiate. Nello stesso momento, all'aeroporto di Tokyo arriva un uomo sulla cinquantina e, mentre attraversa la città in taxi scorge un enorme cartellone pubblicitario che lo ritrae in smoking con un wiskhy in mano..."

di Francesca Arangio [Visita la sua tesi »] [Leggi i suoi articoli »]

Le recensioni degli autori:

Vuoi scrivere una recensione e condividerla con gli altri utenti? Effettua il login come autore di Tesionline e potrai commentare ogni articolo che vuoi!

Tesi Correlate

  • Anime nella metropoli. Rumore e silenzio in "Lost in translation"

    Francesca Arangio, nella sua tesi, analizza le dinamiche di Lost in translation dal punto di vista del rapporto dei personaggi con la metropoli che li circonda, del contrasto tra rumori e silenzio, del significato dell'incontro di due anime bisognose di compagnia e di pace.

    "Come contorno alla loro amicizia, una megalopoli onirica e caotica, tanto grande da far perdere chiunque. Ma la Tokyo allucinata...»

Condividi questa pagina